Lunedì, 18 Ottobre 2021
Attualità San Michele all'Adige / Via Mach

Fondazione Mach: ecco il nuovo vigneto "wi-fi" che trasmette i dati della vite

Dati trasmessi in tempo reale per creare modelli matematici che permettano una gestione più efficace della coltura: ecco il "vigneto 4.0" di San Michele all'Adige

Nuovi vigneti "smart" a San Michele all'Adige. Entra nel vivo il progetto della Fondazione Bruno Kessler che sperimenta le tecnologie di ultima generazione per gestire al meglio quella che è una delle attività umane più antiche: la viticoltura. Il cuore della ricerca, sviluppata per ora attraverso prototipi, è l'estrapolazione di dati in ogni fase di crescita della vite4. Dati che vengono poi messi in rete per creare modelli, gestire efficacemente ogni passaggio della coltivazione fino alla raccolta. 

Una "mini stazione fenologica" allacciata alla rete elettrica a bassa tensione, ed ovviamente collegata alla rete wi-fi per la trasmissione dei dati. Vari sensori raccolgono immagini orarie e dati di temperatura, umidità dell'aria e bagnatura fogliare. L'obiettivo è modellizzare la vita della pianta: dalla crescita dei germogli fino alla maturazione, compresi i momenti più importanti da un punto di vista viticolo-enologico come la fioritura, l'allegagione ovvero la formazione degli abbozzi di acini, e l'invaiatura. 

"L'attività ict della Fondazione - spiega una nota - spazia tra hardware e software. Dalle stazioni, droni e microcontrollori alle app e ai modelli matematici. Più precisamente dalla costruzione di mappe digitali del territorio, che contengono tutte le informazioni sul suolo, sui dati meteo, sulle ore di insolazione di ogni vigneto, per potervi piantare le varietà più idonee, ai sensori che rilevano la  disponibilità di acqua nel suolo, che simulano la permanenza dell’acqua nelle foglie o che “fotografano” lo stato fitosanitario delle colture, attraverso immagini raccolte a diverse lunghezze d’onda. Ci sono trappole per monitorare gli insetti che possono essere ispezionate da remoto, e strumenti per rilevare il volo delle spore fungine che infettano le piante". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Mach: ecco il nuovo vigneto "wi-fi" che trasmette i dati della vite

TrentoToday è in caricamento