Attualità

Ancora polemiche sul concerto di Vasco: "A queste condizioni è impossibile guadagnarci"

Interrogazione di Paolo Zanella (Futura): "A Modena il Comune incassava 2 € a biglietto, noi abbiamo offerto di comprare gli invenduti"

Ancora polemiche sul concerto-evento di Vasco Rossi, in programma a Trento il 22 maggio 2022. Polemiche soprattutto sul versante economico, dopo che in conferenza stampa i vertici di Trentino Marketing avevano annunciato ricadute sul territorio per circa 10 milioni di euro. 

In una nota, il consigliere provinciale di Futura, Paolo Zanella, mette a confronto il concerto che inaugurerà la Trentino Music Arena con lo storico live del Modena Park, che nel 2017 accolse 220mila spettatori: "La differenza salta agli occhi: il Comune di Modena ci ha guadagnato. Noi no" scrive Zanella annunciando un'interrogazione.

Primo discrimine, il margine di guadagno sui tagliandi: "A Modena l'organizzazione ha versato al Comune 2 euro per ogni biglietto venduto, per un valore comunque non inferiore a 350.000 euro per la copertura dei costi di organizzazione (alla fine incassati oltre 440.000 euro, con un utile, al netto delle spese, di 74.000 euro per il Comune). La Provincia invece si offre addirittura di comprare la quota di biglietti riservati non venduti". Da ricordare infatti, che sui circa 120mila posti, la metà saranno dedicati esclusivamente ai residenti di Trentino, Alto Adige e Tirolo.

"Modena - continua Zanella - ha poi messo nero su bianco che non si sarebbe fatta carico delle opere accessorie nell'area e dei rimborsi spese per lo staff, altro che alberghi fino a 300.000 euro e voli in elicottero. E poi le spese promozionali: a Modena lasciate in capo alle società di Vasco con l'obbligo di pubblicizzare il Comune, da noi messe in capo a Trentino Marketing, che oltre ad accollarsi i costi paga pure le società per poter veicolare il marchio "Trentino" sul materiale pubblicitario. Quale gentile concessione" conclude.

Incongruenze, secondo l'esponente di Futura, anche sulle ricadute economiche per il territorio: "A Modena l'indotto è stato calcolato in 5.400.000 euro per un evento con più di 220 mila spettatori. La Provincia prevede un indotto per il territorio di più del doppio con la metà del pubblico. Curioso".

Insomma, "anche se ci si impegna a trovarlo - conclude Zanella citando proprio Vasco -, tutta questa vicenda un senso non ce l'ha".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora polemiche sul concerto di Vasco: "A queste condizioni è impossibile guadagnarci"

TrentoToday è in caricamento