Domenica, 24 Ottobre 2021
Attualità Rovereto

La Provincia rilancia sulla Valdastico: previsto un intervento da 2 miliardi, ma non saranno a carico della Pat

Intanto il presidente Fugatti incontra i sindaci della Vallagarina per presentare la variante al piano urbanistico provinciale

Torna d'attualità il progetto della Valdastico, il collegamento autostradale tra il Trentino e la provincia di Vicenza tramite la A31. In un incontro con i sindaci della Vallagarina, il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha ribatito la volontà della Giunta di portare avanti l'opera.

Per il collegamento, sottolinea la Pat, è previsto un intervento economico di circa 2 miliardi, che però non saranno a carico dell'ente. Per la realizzazione dell'infrastruttura, ricorda Fugatti, già nel 2016, furono approvati accordi e documenti che andavano nella direzione del sì.

Ma sul tavolo dell'incontro andato in scena lunedì pomeriggio non c'è solo la Valdastico, ma anche il documento preliminare per l’adozione della variante al piano urbanistico provinciale, relativa al corridoio di accesso ad est. Il testo è stato presentato a Rovereto ai sindaci della Vallagarina dal presidente Fugatti, accompagnato dai dirigenti Roberto Andreatta e Raffaele De Col. 

Nelle prossime settimane partirà l’iter che porterà, dopo circa 9 mesi, alla definizione della variante al Pup che dovrà essere approvata dal Consiglio provinciale dopo un confronto con i territori e a conclusione di un approfondito percorso di analisi di carattere tecnico, ambientale, sociale ed economico.

Si tratta quindi di un ampliamento urbanistico - è stato detto nel corso dell’incontro - che non contiene ipotesi progettuali, ma che intende individuare tutta una serie di soluzioni che hanno come obiettivo quello di allargare il corridoio infrastrutturale di interscambio della mobilità fra Veneto e Trentino, estendendola da Trento sud fino a Rovereto sud.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Provincia rilancia sulla Valdastico: previsto un intervento da 2 miliardi, ma non saranno a carico della Pat

TrentoToday è in caricamento