rotate-mobile
Attualità

Una targa per Deborah Saltori, madre di quattro figli uccisa dal compagno

Il coordinatore regionale e capogruppo di Fratelli d'Italia Alessandro Urzì ha voluto riconoscere alla 42enne uccisa a Cortesano il premio eccellenza donna

"Deborah ha lasciato un segno, la sua vita è stata sacrificata sull’altare di un amore malato ma la sua eredità aiuta oggi tante donne ad acquisire la consapevolezza dei rischi che può avere la violenza domestica se sottovalutata". Con queste parole giovedì 10 marzo il coordinatore regionale e capogruppo di Fratelli d'Italia Alessandro Urzì ha voluto riconoscere a Deborah Saltori, madre di quattro figli, uccisa dal compagno a Cortesano, il premio eccellenza donna.

Premeditazione e crudeltà: Deborah uccisa con diversi colpi di accetta

In Consiglio provinciale, scelto come sede istituzionale per l'occasione, erano presenti anche Silvia Farci del dipartimento Vittime di violenza e Paola Depretto del dipartimento Pari opportunità. In aula anche la mamma di Deborah, il fratello e la zia, che oggi si stanno prendendo cura dei figli rimasti orfani.

“Bisogna riconoscere quella sberla che può essere il segnale di un pericolo grave”, ha ammonito la zia Ivana. "Le istituzioni devono fare la loro parte - ha aggiunto Urzì - ed esigere la certezza della pena, ma allo stesso pretendere che questi drammi non avvengano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una targa per Deborah Saltori, madre di quattro figli uccisa dal compagno

TrentoToday è in caricamento