rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Turismo

Turismo, per i sindacati serve un contratto integrativo

Filcams, Fisascat e Uiltucs chiedono di migliorare le condizioni degli addetti al settore: “Rispetto all’Alto Adige, le retribuzioni dei lavoratori stagionali in Trentino sono più basse del 25%"

“Rispetto all’Alto Adige, le retribuzioni dei lavoratori stagionali del turismo in Trentino sono più basse di circa il 25%. Fino a quando non si investirà anche sulla qualità del lavoro, stagione dopo stagione, il settore dovrà fare i conti con la difficoltà di reperire manodopera qualificata”. Così i segretari provinciali di Filcams-Cgil (Federazione italiana lavoratori commercio, albergo, mensa e servizi), Fisascat-Cisl (Federazione italiana sindacati addetti servizi Commerciali, affini e del turismo) e Uiltucs (Unione italiana lavoratori turismo commercio servizi), Paola Bassetti, Lamberto Avanzo e Walter Largher.

Restrizioni, Failoni: “Green pass e stranieri, un provvedimento importante per tutto il turismo”

“L’appetibilità delle professioni dell’accoglienza si costruisce anche migliorando le condizioni di lavoro degli addetti al settore, ma in Trentino manca da sempre un contratto integrativo che renderebbe la professione più attraente, più stabile e sicuramente anche qualitativamente migliore nel rapporto reso al turista. E tutto ciò è fermo non per volontà del sindacato”.

Per i sindacati, invece, si va nella giusta direzione con la scelta di investire su un’offerta turistica di sistema, che valorizzi il legame con il territorio anche in chiave di sostenibilità, ma soprattutto che punti ad allungare la stagione turistica destagionalizzando l’offerta e ampliando i periodi lavorativi. “Un’offerta destagionalizzata garantirebbe anche contratti di lavoro maggiormente stabili, con la possibilità di alzare la professionalità degli addetti e rafforzare anche la loro permanenza nel settore. Ne avrebbe un vantaggio tutto il turismo trentino, ma sono questioni che vanno affrontate – ribadiscono i tre segretari – in un confronto con le parti sociali. Per le imprese turistiche, invece, quello della contrattazione di secondo livello sembra un argomento tabù”.

Superbonus turismo, i rifugi alpini rimangono fuori

Dalla contrattazione territoriale potrebbero arrivare anche risposte per gli stagionali che hanno pagato un prezzo altissimo con la pandemia. “A causa della pandemia le stagioni turistiche non sono partite o sono state fortemente ridimensionate come quest’inverno. Tutto ciò sta erodendo pesantemente i redditi delle lavoratrici e dei lavoratori. Senza un intervento serio su retribuzioni e formazione continueremo ad avere un’emorragia di manodopera con la conseguente perdita di professionalità: l’opposto degli obiettivi del nuovo Piano triennale. È ora che Provincia e imprese ne prendano atto e si rendano disponibili ad aprire il confronto sulla contrattazione territoriale”, concludono Bassetti, Avanzo e Largher.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, per i sindacati serve un contratto integrativo

TrentoToday è in caricamento