rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Il progetto

Video e installazioni: così gli studenti raccontano l’autonomia

Il progetto parte con gli alunni del Liceo delle arti. Bisesti: "Spiegare l’autogoverno in modo innovativo e coinvolgendo i più giovani, grazie per aver accettato questa sfida"

Creatività, installazioni e grafica per raccontare l?autonomia e il suo profondo significato per il Trentino: è la sfida che hanno raccolto una sessantina di studenti del liceo delle Arti di Trento e Rovereto. Gli alunni della classi quinta A e quinta C del ?Depero? e della quarta C del ?Vittoria? hanno accettato la proposta di Provincia autonoma e Museo storico di dare una veste innovativa ai contenuti della mostra permanente ?La Pat si racconta?, inaugurata nella sede Pat per i 50 anni del Secondo statuto.

Un modo innovativo per raccontare la storia, semplice e diretto, per coinvolgere i giovani e dare un servizio importante alla comunità. Lo faranno all?interno di un percorso formativo, di alternanza scuola-lavoro, educazione civica condiviso tra scuola e Fondazione museo storico, partito questa mattina con la visita alla sala Depero e stessa mostra-installazione. A ricevere gli alunni, gli insegnanti e la dirigente del Liceo delle arti Daniela Simoncelli l?assessore provinciale all?istruzione Mirko Bisesti e il direttore della Fondazione museo storico Giuseppe Ferrandi.

"Conoscere il motivo per cui, fortunatamente, il Trentino ha l?autonomia è un elemento fondamentale per tutti i cittadini e lo è anche per i più giovani" ha detto l?assessore Bisesti, che si è rivolto direttamente agli studenti: "La consapevolezza della storia e del valore dell?autogoverno è la base da cui tutti dobbiamo partire. A voi studenti la possibilità di portare questo messaggio, di farlo arrivare con il cuore attraverso un linguaggio immediato e innovativo. Grazie al vostro ingegno, alla voglia di sperimentare, sono sicuro che riuscirete a raggiungere tutto il pubblico e anche i vostri coetanei. È un obiettivo importante, un servizio che fate alla comunità, ma che anche a voi lascerà qualcosa. Avete il talento e la capacità di dare qualcosa alla nostro territorio e a tutte le persone che lo animano". 

Il percorso rientra nell?offerta formativa della Fondazione Museo storico per i 50 anni del Secondo statuto. Gli studenti che già si occupano di grafica, design, multimedialità saranno impegnati, assieme ai loro insegnanti, in una serie di attività laboratoriali e formative con un obiettivo finale: ovvero proporre soluzioni grafiche e comunicative (video) per ?trasmettere? in modo innovativo i contenuti della mostra ?La Pat si racconta? (visitabile nel palazzo della Provincia dal lunedì al venerdì con orario 9-12 e 14-17). Un?installazione, dunque, arricchita da grafiche e audiovisivi.

Prima dell?intervento dell?assessore, ai quasi 60 alunni è stata offerta da Ferrandi una breve spiegazione del Cinquantenario del Secondo statuto e del significato dell?autonomia. Un ragionamento che ha incluso la vicenda storica della Specialità trentina e la necessità di spiegarla in modo semplice, raggiungendo più persone possibile. ?È tema talvolta ostico, complesso ma molto importante - ha detto Ferrandi -, che in fatto di comunicazione può trarre enorme beneficio dalla creatività ed espressività delle nuove generazioni. Per raccontare l?autonomia in modo nuovo nuovo e accattivante, il miglior antidoto all?autoreferenzialità. Ecco perché il vostro contributo potrà essere determinante?.

"I ragazzi sapranno certamente mettersi in gioco, con senso di responsabilità, impegno, coltivando il loro talento e utilizzando al meglio l?offerta formativa della scuola. Buon lavoro dunque ai ragazzi e agli insegnanti" ha concluso la dirigente scolastica Simoncelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Video e installazioni: così gli studenti raccontano l’autonomia

TrentoToday è in caricamento