rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Novità

Ausiliari e violazioni: quando si rischia la multa

Il "potere" di contestazione degli addetti di Trentino Mobilità si amplifica. La novità è stata resa possibile dalle modifiche al Codice della strada

Da lunedì 18 luglio si ampliano i servizi di controllo della sosta affidati dal Comune a Trentino Mobilità. La società, fino a domenica si occupava "solo" della sosta a pagamento, di altri servizi legati alla mobilità urbana (costruzione e gestione di parcheggi, rimessaggi, rilascio contrassegni e autorizzazione, gestione del bike sharing), oltre che di prevenzione e accertamento delle violazioni con potere di contestazione immediata.

Da lunedì il campo d’azione degli addetti di Trentino mobilità in merito all'accertamento delle violazioni non è più limitato alle zone blu, ma si estende alle zone disco, agli spazi riservati (a bus, taxi, disabili, carico e scarico etc.) e a tutti quei luoghi (per esempio incroci, marciapiedi, ciclabili) in cui la sosta e la fermata sono vietate. Inoltre, gli ausiliari della sosta possono sanzionare anche chi parcheggia in modo scorretto, per esempio fuori dalle linee segnate, in contromano, non a bordo strada.

L’area in cui operano gli ausiliari della sosta comprende le cosiddette zone colorate, che coincidono con la città del fondovalle da San Pio X-Gocciadoro a sud fino alla rotatoria di via Maccani a nord, Ztl esclusa. In questa porzione di città, gli stalli della sosta sono circa 6 mila: 4 mila a pagamento, mille a disco orario, 200 per il carico e scarico, 300 per disabili. A queste categorie si aggiungono poi gli stalli riservati di varia natura (motocicli, taxi, bus, car sharing, forze dell’ordine…).

Torna in prima pagina

L’attività potenziata degli ausiliari della sosta permette alla polizia locale di tralasciare il controllo dei parcheggi e di dedicare maggiori risorse alla vigilanza e al presidio della città. Inoltre, gli addetti di Trentino Mobilità garantiscono una maggiore presenza sul territorio e una maggiore efficienza del sistema complessivo della mobilità, con la riduzione dei tempi di ricerca parcheggio e una accessibilità migliorata agli esercizi commerciali grazie al rispetto dei tempi della sosta nelle aree per il carico e scarico.

L'ausiliario della sosta

La figura dell’ausiliario della sosta è stata introdotta a Trento nel 1998, con la nascita di Trentino Parcheggi, ora Trentino Mobilità. Nei primi anni Duemila il controllo era allargato (comprendeva stalli blu, a disco orario, per disabili etc.), poi dal 2010 l’operatività è stata ridotta ai soli posti a pagamento in seguito a nuovi indirizzi normativi. Ora, con una recente modifica, il Codice della strada prevede che gli Ausiliari della sosta possano esercitare le funzioni di prevenzione e accertamento di tutte le violazioni in materia di sosta nell’ambito delle aree oggetto di affidamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ausiliari e violazioni: quando si rischia la multa

TrentoToday è in caricamento