menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Olha Vozna coordinatrice Ipsia, Chiara Maule Ass. Politiche sociali Trento, Giuliano Rizzi Presidente Ipsia, Daniela Brena direttrice Infusione Associazione, Luca Oliver Presidente Acli, Vallì Mosele comune di Trento

Olha Vozna coordinatrice Ipsia, Chiara Maule Ass. Politiche sociali Trento, Giuliano Rizzi Presidente Ipsia, Daniela Brena direttrice Infusione Associazione, Luca Oliver Presidente Acli, Vallì Mosele comune di Trento

Trento, distribuiti un centinaio di "Pasti amico" per le persone sole

I pasti sono stati preparati dall’Associazione Infusione, attiva nel mondo del catering con particolare attenzione all’ambito sociale, con cura e attenzione anche alle norme anti Covid

Un centinaio di pranzi pasquali per non lasciare sole le persone, sono stati distribuiti sabato 3 aprile a Trento, grazie al progetto Green Experience per la costruzione di reti solidali e di integrazione. Sarà una Pasqua all’insegna della solidarietà e del mutuo aiuto quella promossa dalle Acli trentine attraverso Ipsia, l’Istituto per la Pace, Sviluppo e Innovazione che si occupa di cooperazione internazionale e di iniziative solidali. Grazie al progetto Green Experience, portato avanti da Ipsia con il sostegno della Provincia Autonoma di Trento in collaborazione con il Comune di Trento e l’Associazione Infusione, sono stati distribuiti nella città di Trento e dintorni un centinaio di pranzi pasquali ad anziani e altre persone che vivono un particolare momento relazionale in questo periodo di confinamento. 

I pasti sono stati preparati dall’Associazione Infusione, attiva nel mondo del catering con particolare attenzione all’ambito sociale, con cura e attenzione anche alle norme anti Covid.  Un gesto di vicinanza e di simbolica presenza di IPSIA e delle Acli Trentine per stare accanto a chi il giorno di Pasqua non ha modo di condividere con i propri cari il momento del pasto. Le persone sono state raggiunte nel pomeriggio dai protagonisti del progetto, supportati dai volontari, per la consegna del pranzo di domani che sarà accompagnato da un ulteriore segno, un biglietto di auguri scritto, firmato e personalizzato per ciascuno. 

La forza del progetto è senz’altro rappresentata dalla coralità delle azioni e dei soggetti che hanno collaborato per arrivare nelle case di tanti e quindi oltre ai partner del progetto anche i circoli Acli della città che hanno segnalato coloro che credevano potessero cogliere il senso dell’azione, gli assistenti sociali del Comune di Trento, alcuni parroci della città. Un pranzo che non è solo un pasto ma simbolo e testimonianza di condivisione, di reti, di vicinanza e di attenzione a chi ci è vicino. 

Green Experience è un progetto di rete solidale che vede come primi soggetti beneficiari un gruppo di richiedenti il reddito di cittadinanza che vengono supportati e affiancati dagli enti proponenti il progetto in un percorso di inserimento lavorativo, di acquisizione di competenze nell’ambito della ristorazione e di conoscenza e potenziamento delle reti personali con attività utili alla comunità. 

Alla conferenza stampa di oggi ha partecipato anche Chiara Maule, Assessora alle Politiche sociali del comune di Trento che ha collaborato alla realizzazione dell’iniziativa attraverso i servizi sociali e l’Ufficio Spazio Argento. I servizi del comune di Trento hanno individuato parte delle persone destinatarie del pranzo pasquale e messo a disposizione dei volontari le biciclette per la consegna dei pacchi alimentari.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento