Attualità

Trento, bici al sicuro: arrivano le ciclobox da 530mila euro

Il progetto si inserisce nell'ottica di una mobilità sostenibile. La realizzazione è prevista nella primavera del 2021

Favorire l’uso della bicicletta, promuovendo la mobilità urbana sostenibile e garantendo un ricovero coperto e sicuro alle biciclette mediante controllo degli accessi, da gestire in accordo con Trentino Mobilità. È questo l’obiettivo del progetto che prevede la realizzazione e la collocazione, in diversi punti della città, di manufatti chiusi, coperti e con accesso sicuro, destinati al ricovero di biciclette. L’opera è inserita nel bilancio 2020 per 530mila euro. La realizzazione è prevista nella primavera del 2021. 

È stato elaborato, con la collaborazione dell’ufficio Mobilità, da un gruppo di progettazione interno al servizio Attività edilizia, coordinato da Anna Bruschetti, capoufficio Progettazione e direzione lavori e composto da Matteo Boniatti per la progettazione architettonica e da Cristiano Tessaro come coordinatore della sicurezza in fase progettuale. Il responsabile unico del procedimento è il dirigente del servizio Attività edilizia, Giuliano Franzoi.

La localizzazione è prevista sul territorio comunale in punti ritenuti strategici e individuati in via sperimentale, legati alla presenza di parcheggi di attestamento, percorsi ciclabili e punti di scambio intermodale. 

Saranno 11 i ciclobox da realizzare, per un totale di circa 160 stalli per biciclette, previsti in 7 localizzazioni:

  • parcheggio Monte Baldo n. 3 ciclobox, 48 stalli biciclette 
  • piazzale Sanseverino n.1 ciclobox, 12 stalli biciclette
  • parcheggio via Canestrini n. 2 ciclobox, 26 stalli biciclette 
  • cavalcavia San Lorenzo n.1 ciclobox, 16 stalli biciclette 
  • Piedicastello (tra via Papiria, via Verruca e via Brescia) n.2 ciclobox, 26 stalli biciclette
  • parcheggio fermata ferroviaria Ospedale Santa Chiara n.1 ciclobox, 16 stalli bici 
  • via Untervegher n.1 ciclobox, 16 stalli bici

I ciclobox declinano ciò che da un punto di vista funzionale è già stato effettuato per il parcheggio biciclette Zuffo, il parcheggio di via della Saluga ed il parcheggio biciclette di via Dogana, realizzati dal Comune di Trento e gestiti da Trentino Mobilità. Se negli altri casi si tratta di interventi edilizi legati alla specifica collocazione, in questo caso i ciclobox vengono posizionati in zone diverse e la loro natura modulare e flessibile garantisce la possibilità di ricollocarli in diversi ambiti del contesto urbano. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trento, bici al sicuro: arrivano le ciclobox da 530mila euro

TrentoToday è in caricamento