Attualità

Zona bianca all'orizzonte: cosa cambia

Il presidente della provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, durante la conferenza stampa di giovedì 10 giugno, ha comunicato che l'incidenza settimanale è sotto le 50 unità ogni 100mila abitanti

Un altro venerdì di classificazioni è arrivato e in Trentino, come in altre regioni, è atteso un cambio fascia che possa restituire una quasi totale libertà di movimento e di azione. Il presidente della provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, durante la conferenza stampa di giovedì 10 giugno, ha comunicato che l'incidenza settimanale è sotto le 50 unità ogni 100mila abitanti. E per questo motivo, la previsione è che il nuovo monitoraggio classifichi il Trentino in zona banca a partire da lunedì 14 giugno. 

Cosa cambia da zona gialla a zona bianca? 

Il passaggio porta la possibilità di rimanere aperti senza limiti per bar, ristoranti, pub, gelaterie e locali pubblici in genere. Le persone potranno girare anche di notte tenendo sempre presente che restano vietati gli assembramenti e c'è l'obbligo di indossare la mascherina sia all'aperto sia al chiuso. Le discoteche per ora restano chiuse, o meglio: possono aprire ma soltanto per sfruttare la licenza dei bar e dei ristoranti.  

Per quanto riguarda i matrimoni, dal 31 maggio, nelle regioni in zona bianca si può festeggiare con banchetti e ricevimenti senza numero limitato di invitati. Tutti i partecipanti però, come previsto dal Dpcm in vigore fino al 31 luglio, dagli sposi agli invitati dovranno avere il green pass, dunque la certificazione relativa al vaccino (prima o seconda dose), all’avvenuta guarigione o un tampone negativo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona bianca all'orizzonte: cosa cambia

TrentoToday è in caricamento