rotate-mobile
Solidarietà

I giovani trentini a “caccia” di viveri per i più bisognosi

Si tratta dell’iniziativa “Con le mani in pasta”, in programma sabato 1 aprile. Ecco dove e come si svolgerà

Si chiama “Con le mani in pasta” ed è l’iniziativa che domani, sabato 1 aprile, vedrà come protagonisti oltre mille giovani in tutto il Trentino impegnati in un’importante attività di volontariato, ovvero raccogliere viveri e beni di prima necessità da devolvere alle realtà solidali che operano sul territorio.

Con addosso la loro inconfondibile maglietta azzurra, queste ragazze e questi ragazzi saranno all’ingresso dei supermercati o andranno casa per casa, con l’obiettivo di raccogliere in particolare pasta e scatolame da destinare poi a persone o famiglie seguite da Caritas, Banco Alimentare, Trentino Solidale e da altre associazioni impegnate nel welfare in provincia.

Un’iniziativa decennale e ormai capillare in tutto il territorio trentino, se si pensa che i giovani di “Con le mani in pasta” saranno in quel di Ponte Arche, Comano Terme, Stenico, San Lorenzo Dorsino, Bleggio, Fiavè, Mezzocorona, Lavis, San Michele, Segonzano, Pressano, Riva, Torbole, Arco, Valle dei Laghi, Dro, Molina di Ledro, in città nei quartieri di  Ravina, Gardolo, Martignano, Mattarello, Povo, Solteri, S. Carlo Borromeo, S. Giuseppe, Madonna Bianca, S. Rocco, S. Pietro. E poi ancora Brentonico, Besenello, Vallarsa, Rovereto, Lizzana, Pomarolo, Ala, Avio, Borgo Sacco-San Giorgio, Novaledo, Strigno, Spera, Scurelle, Caldonazzo, Levico, Pergine, Malè, Cavareno e Cavalese, coprendo di fatto tutte le zone pastorali della diocesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I giovani trentini a “caccia” di viveri per i più bisognosi

TrentoToday è in caricamento