Sabato, 12 Giugno 2021
Attualità

Stop agli spostamenti, le regioni chiedono la proroga

Bonaccini: "Al nuovo Governo chiederemo un incontro per una discussione a 360 gradi sul nuovo Dpcm"

Una proroga al divieto di spostamenti tra regioni potrebbe arrivare venerdì 12 febbraio, da un Consiglio dei ministri, a dare la notizia è stata Ansa, nel pomeriggio di giovedì 11 febbraio. La misura presa dai ministri della Salute Roberto Speranza e degli Affari regionali Francesco Boccia, ora pare essere caldeggiata dalle Regioni, come strategia per contrastare la diffusione del Covid. 

Non sarebbe, però, ancora stato convocato il Consiglio dei ministri, ma il 15 febbraio è sempre più vicino, quindi è molto probabile che Draghi intervenga quanto prima per sistemare la situazione. A metà mese, per l'appunto, l'ordinanza che impone il divieto di spostamenti tra regioni se non per motivi di comprovata necessità, salute o lavoro, perderà la sua efficacia, ma per quanto sperato da molti pare che questo non avverrà e che, anzi, la direttiva possa essere prorogata al 5 marzo, affiancando la scadenza a quella del Dpcm in vigore.

Ufficiale: divieto di spostamento fino al 25 febbraio

"L'orientamento della Conferenza delle Regioni è di richiedere di prorogare il Dl che vieta gli spostamenti da una Regione all'altra, anche per la zona gialla. Nelle prossime ore comunicherò tale orientamento al ministro Francesco Boccia che aveva chiesto il nostro parere nel corso dell'ultima Conferenza Stato-Regioni, oltre che al Presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi", ha dichiarato il Presidente Stefano Bonaccini, a margine della Conferenza delle Regioni, si legge sull'agenzia nazionale.

Oltre al singolo argomento sugli spostamenti, Ansa ha riportato anche che nella Conferenza delle Regioni, è stata avanzata la richiesta di poter valutare nel futuro provvedimento che verrà emanato, possibili e graduali riaperture di attività con ingressi contingentati nei cinema, palestre e teatri, rispettando protocolli anti-contagio per la prevenzione.    

"Al nuovo Governo chiederemo un incontro per una discussione a 360 gradi sul nuovo Dpcm, per valutare le possibili graduali riaperture di alcune attività nel rispetto di tutti i protocolli di prevenzione", ha detto il presidente Stefano Bonaccini, a margine della Conferenza delle Regioni. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop agli spostamenti, le regioni chiedono la proroga

TrentoToday è in caricamento