Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità

Ai trentini piace lo smartworking ma c'è paura per mancanza di regole

Il 39% ha dichiarato di aver lavorato di più

Repertorio

Più del 90% degli intervistati ha un'opinione complessivamente positiva dell'esperienza smartworking, circa il 95% verrebbe proseguire anche dopo l'emergenza, anche se emergono criticità nella sovrapposizione di carichi familiari e professionali, il 39% lavora più che in ufficio e l'11% ha dovuto utilizzare strumentazione propria. Questi i risultati dell'indagine sullo smartworking svolta dal Coordinamento industria della Cisl del Trentino che ha riguardato aziende di 11 settori del manifatturiero trentino: metalmeccanico, Ict, installazione impianti, alimentare, biomedicale, farmaceutico, calzaturiero, tessile e abbigliamento, chimico, gomma plastica, edilizia. Lo studio si basa su 238 questionari online raccolti tra il 22 giugno e il 5 luglio.

Il 64% degli intervistati sono uomini e il 36% donne, il 51% di età compresa tra i 35 e i 55 anni (28% under 35 e 21% over 55) e per il 40% si fanno carico o comunque condividono in prima persona impegni familiari (compreso il 40% degli uomini). Oltre il 63% degli intervistati impiega meno di 30 minuti per effettuare il tragitto di andata e ritorno casa/lavoro (il 27% tra i 30 e i 60 minuti e il 9% impiega più di un'ora). Per l'81% delle persone intervistate si è trattato di una nuova esperienza, solo il 9% avevano avuto precedenti esperienze di lavoro da remoto.

Nel complesso l'indagine mette in luce un forte apprezzamento del lavoro agile. Solo il 9% degli intervistati riporta valutazioni negative (di cui appena il 2% considera l'esperienza molto negativa). Per quanto riguarda gli orari di lavoro circa il 49% degli intervistati dichiara di aver svolto orari di lavoro coincidenti con quelli normalmente svolti in sede, il 12% di aver lavorato meno di quanto normalmente fatto in precedenza, mentre in ben il 39% dei casi di aver lavorato più ore di quanto normalmente fatto da ufficio. Lo studio ha anche evidenziato una pressoché totale assenza di regolamentazione dello smartworking. Solo nell'8% dei casi (in 6 aziende, di grandi dimensioni) è presente un accordo collettivo siglato con le organizzazioni sindacali già prima dell'emergenza sanitaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ai trentini piace lo smartworking ma c'è paura per mancanza di regole

TrentoToday è in caricamento