rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Attualità

Nove aziende e 32mila uova sequestrate dai Nas: irregolarità anche in Trentino Alto Adige

Vasta operazione in tutt'Italia. Tra i problemi evidenziati sovraffollamento di animali e condizioni non idonee

Sovraffollamento degli animali e condizioni non idonee. Sono due delle problematiche evidenziate dall'operazione dei Nas in diversi allevamenti di tutt'Italia: in totale sono state sequestrate nove aziende,  4.600 galline ovaiole, 32mila uova irregolari, 30 tonnellate di mangimi non regolari, per un valore commerciale di circa 185 mila euro. Anche in Trentino Alto Adige sono state riscontate alcune irregolarità che hanno portato al sequestro di un migliaio di uova.

Sovraffollamento, uova non tracciabili e mangimi avariati

Nell'ambito dell'operazione per la sicurezza della filiera delle uova, su 373 impianti controllati, 66, pari al 18%, sono risultati irregolari. Tra le criticità riscontrate il sovraffollamento nella stabulazione degli animali, mangimi in cattivo stato di conservazione, uova vendute per qualità diverse da quelle possedute, prive di tracciabilità o con stampigliature fuorvianti, detenute in condizioni e ambienti non idonei, in alcuni casi in strutture abusive.

Nel corso dei controlli i Nas hanno constatato un utilizzo di depositi e strutture di imballaggio uova risultati non censiti, ambienti mancanti dei minimi requisiti sanitari, strutturali e di sicurezza per i lavoratori. A causa di questi problemi nove aziende di allevamento, lavorazione e logistica sono state chiuse. 

In un'azienda agricola del Bolzanino, i Nas di Trento hanno sequestrato 1.061 uova che presentavano una stampigliatura errata del codice aziendale del produttore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nove aziende e 32mila uova sequestrate dai Nas: irregolarità anche in Trentino Alto Adige

TrentoToday è in caricamento