menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il post, poi rimosso, comparso su un gruppo Facebook trentino

Il post, poi rimosso, comparso su un gruppo Facebook trentino

Segnalazioni di posti di blocco su Facebook: post rimosso, ecco come funziona

Anche nei gruppi trentini capita di trovare post che segnalano la presenza delle forze dell'ordine sulle strade

Segnalazioni di posti di blocco su gruppi Facebook. Capita spesso di imbattersi in post che segnalano la presenza di forze dell'ordine sulle strade trentine. L'ultimo episodio è avvenuto ieri nel gruppo Info Traffico Trentino Alto Adige, ed è stato subito rimosso. Che si tratti della classica "sfanalata" o dei più moderni gruppi social, segnalare i posti di blocco è sempre stato ritenuto un reato ai sensi dell'articolo 340 del Codice Penale, ovvero interruzione di pubblico servizio. C'è poi una questione morale: chi segnala la presenza delle forze dell'ordine potrebbe, di fatto, aiutare criminali e malviventi.

Non si contano le denunce in tutta Italia a carico dei fondatori di gruppi Whatsapp nati appositamente per avvertire gli automobilisti del "pericolo" di incontrare carabinieri e polizia sulla loro strada. Ce ne siamo occupati anche noi, tempo fa: nel mirino degli inquirenti era finito un gruppo Whatsapp della Valle del Chiese dove sostanzialmente i messaggi di questo tipo erano la maggior parte.

C'è però un caso recente che ha fatto molto discutere e che va nella direzione opposta: a conclusione delle indagini a carico di 49 membri di un gruppo Whatsapp che segnalava posti di blocco nell'entroterra ligure, il gip Luisa Avanzino ha chiesto l'archiviazione. Il fatto non costituirebbe reato visto il carattere sostanzialmente "privato" della chat. La notizia è del gennaio 2020 e costituisce la sentenza più recente in questo campo. 

La questione, dunque, è aperta. A fare la differenza pare siano i numeri: quando un gruppo facebook conta centinaia di iscritti potrebbe perdere quel carattere di riservatezza riconosciuto dalla Gip di Genova. Inoltre la possibilità di iscrizione libera ai gruppi Facebook sembra conferire ai post un carattere sostanzialmente pubblico. Nel dubbio, come abbiamo detto, il gruppo in questione ha subito eliminato il post. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Servizi bar e ristorazione all’aperto: tutte le indicazioni

social

Offerte di lavoro: in Trentino si cercano marinai

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Sanità, gli ospedali di Borgo e Tione liberi dal Covid

  • Cronaca

    Bollettino coronavirus: 4 decessi e +85 nuovi contagi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento