rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Attualità

Nuovo scontro sull'apertura a luglio delle scuole dell'infanzia

I sindacati dopo l'incontro con il dipartimento: "Uno schiaffo al personale ancora senza rinnovo"

Nuovo scontro tra sindacati e provincia sull'apertura a luglio delle scuole dell'infanzia. Le sigle infatti definiscono "uno schiaffo per il personale e per le esigenze delle scuole" la decisione di prolungare l'apertura degli asili "senza confronto e senza rinnovo contrattuale".

Nel pomeriggio di giovedì 9 dicembre c'è stato l'incontro tra i sindacati di categoria Flc Cgil, Cisl Scuola, Satos e i vertici del dipartimento della conoscenza. Altra occasione per ribadire, da parte delle sigle, il giudizio negativo "per una manovra finanziaria in cui non si stanziano risorse sufficienti per il rinnovo del contratto né per la valorizzazione del personale. E allo stesso tempo si impone un nuovo prolungamento dell’attività a luglio".

L'apertura delle scuole materne anche a luglio era stata annunciata dall'assessore provinciale all'istruzione Mirko Bisesti al momento della presentazione della manovra finanziaria. Da subito però i sindacati si sono dichiarati contrari, soprattutto alla luce delle trattative saltate con la provincia per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego.

“Una decisione assunta per legge e senza confronto e rinnovo contrattuale” dicono le parti sociali, che parlano di interventi "lontani dai grandi investimenti evocati" e di "un autentico schiaffo per il personale tutto e per le esigenze delle scuole".

Il tavolo di giovedì ha rappresentato anche l'occasione per fare il punto sulle graduatorie per le supplenze nella scuola dell'infanzia. In merito al reclutamento è stato chiarito che la raccolta delle domande potrebbe partire già intorno alla metà di gennaio 2022. Le laureande potranno presentare domanda con riserva e perfezionare successivamente la propria inclusione a laurea ottenuta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo scontro sull'apertura a luglio delle scuole dell'infanzia

TrentoToday è in caricamento