Scontri a Sociologia: "L'Università è parte lesa, vigilate sulla libertà di espressione"

Mozione del Senato Accademico che invita a vigilare sulla libertà d'espressione e di dibattito

Libertà d'opinione e libero dibattito sono l'essenza stessa dell'Università. Con queste parole il Senato Accademico ha approvato una mozione nella quale invita tutti i docenti e gli studenti "alla massima vigilanza contro qualunque prepotenza". 

Il riferimento, esplicito, è ai fatti del 30 ottobre scorso quando alla Facoltà di Sociologia si è svolta la conferenza del giornalista Fausto Biloslavo, pesantemente contestata da un collettivo di studenti, a sua volta attaccato da un gruppo di neofascisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal Senato Accademico arriva il "pieno apprezzamento per il coraggio civile con cui il Rettore Paolo Collini ha gestito le contestazioni, nonchè gli atti aggressivi avvenuti in occasione della conferenza". Il documento condanna ogni forma di aggressione e violenza vista in quell'occasione, frutto di strumentalizzazioni, si legge, "che hanno cercato di trasformare l'università chiaramente parte lesa di tali prepotenze, da vittima in colpevole". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento