Si è spento Sandro Canestrini, "l'avvocato che vinceva le cause perse"

Al fianco delle vittime del Vajont e di Stava, figura chiave della conciliazione nella stagione del terrorismo sudtirolese ma anche nel primo maxiprocesso di mafia a Palermo

Sandro Canestrini in una foto d'epoca

"Stanotte è mancato Sandro Canestrini, l'avvocato che vinceva le cause perse. Ora è compito nostro portare avanti la battaglia per i diritti". Così lo studio legale, gestito dai figli Gloria e Nicola, ricorda l'avvocato Sandro Canestrini, classe 1922, scomparso nella notte. 

Una vita spesa per le "cause perse", spesso vinte. Negli anni Caestrini è stato al fianco delle vittime del Vajont, poi di quelle di Stava, mettendo la sua abilità professionale al servizio della Giustizia anche nel primo maxiprocesso di mafia a Palermo.

Giovane esponente della Resistenza trentina, si laurea in giurisprudenza a Padova con Norberto Bobbio. Offrì il suo impegno a favore della comunità anche come consigliere comunale a Rovereto, e come consigliere regionale, con il  partito Comunista Italiano e poi con la lista Nuova Sinistra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo ricorda in un messaggio di cordoglio il Partito Democratico del Trentino: "Destinatario di alti riconoscimenti civili, sia nel mondo di lingua tedesca come in quello italiano, Sandro Canestrini ha rappresentato la figura di uomo di legge ricco di sensibilità e di coraggio, segnando una traccia nella storia di questa terra che non può smarrirsi nel tempo e che anzi va riscoperta quotidianamente". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento