Attualità Rovereto

Rovereto, da fine agosto si allarga la zona a traffico limitato: ecco dove

Il provvedimento sperimentale terminerà il 31 gennaio 2022

Approvata dalla Giunta comunale roveretana la delibera che amplierà la Ztl per le vie comune: la fase sperimentale prenderà il via a fine mese e durerà fino al 31 gennaio 2022. “Si tratta dell’esito di un percorso che negli anni ha visto tutta una serie di interventi attuati nel corso degli anni sulla viabilità cittadina che hanno reso possibile e attuabile questo tipo di intervento, nato anche dopo il confronto con gli attori sul territorio.  

"Inizieremo con una fase sperimentale che permetterà di vedere le criticità e quindi di effettuare ulteriori controlli - spiega l’assessore Andrea Miniucchi -. In questi mesi potremo così effettivamente valutare l’impatto e proseguire nella progettazione". Sono state semplificate le procedure e dal comune assicurano che ci sarà comunque una fase di accompagnamento e indirizzo da parte del personale che presidierà gli accessi, in particolare da via Rosmini a via Fontana, che permetterà di far comprendere agli utenti la nuova viabilità.

"Obiettivo di questo consolidamento è prima di tutto il miglioramento delle condizioni di vivibilità nei quartieri e di accessibilità per la mobilità dolce - continua l’assessore Miniucchi -. La ztl contribuirà alla progressiva riduzione del numero di incidenti stradali e alla riduzione della pressione del traffico veicolare nelle aree centrali cittadine, la fluidificazione del traffico lungo gli itinerari principali e sui nodi maggiormente critici, una crescente diversione modale verso sistemi di trasporto a maggiore sostenibilità come quelli offerti dal sistema di trasporto pubblico locale su gomma e su ferro e dalla mobilità ciclo-pedonale”.

Miniucchi ha spiegato come si attiverà il consolidamento della ztl a Rovereto, che si estende ora a via Fontana, Borgo Santa Caterina e Via Dante, tra via Tartarotti e piazza Nazario Sauro. Per quanto riguarda le regole di accesso alla ztl, mentre via Fontana rimarrà chiusa al traffico, per le altre aree viene di fatto replicato quanto già avviene in Via Tartarotti, con l’apertura in fasce orarie dalle 7 alle 20, e non vi sarà alcuna necessità di richieste di autorizzazione per i residenti e chi opera in nelle nuove zone a traffico limitato , ma sarà cura del personale preposto al controllo, qualora chi transita fosse fermato, verificare che la residenza.

Uno degli obiettivi primari dichiarati dall’amministrazione, rimane la messa in opera dei varchi, già progettati e ora in fase di appalto, che permetteranno un migliore presidio del territorio: “Nei prossimi mesi - conclude Miniucchi - saranno messi in opera i varchi e potremo verificarne l’efficacia. Si tratta di un modo per garantire la regolarità dell’afflusso dei veicoli e la sicurezza dei cittadini stessi. Quanto è stato fatto nel corso degli ultimi anni, attuando il Piano Urbano della Mobilità, ci consente di poter ampliare lo spazio per la libera circolazione di pedoni e ciclisti, limitando l’accesso ai veicoli che hanno effettiva necessità di transitare in quelle aree, residenti e attività commerciali. Sullo sfondo di tutto questo rimane l’esigenza di adottare un modello di mobilità più sostenibile, ossia meno impattante sull’ambiente e sulla salute umana, e nel contempo in grado di rendere la città più vivibile, attrattiva e sicura per chi la abita e chi la visita”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rovereto, da fine agosto si allarga la zona a traffico limitato: ecco dove

TrentoToday è in caricamento