Rovereto, ex Manifattura Tabacchi: cento giorni per il restyling

Il cantiere durerà 100 giorni e permetterà di consolidare la struttura simbolo di Borgo Sacco e dell’incubatore di Trentino Sviluppo. L’investimento è di 350 mila euro

Ciminiera dell’ex Manifattura Tabacchi di Rovereto

Cento giorni per il restyling della ciminiera dell’ex Manifattura Tabacchi di Rovereto. Sono iniziati mercoledì 18 novembre, alla mattina, i lavori per il restauro conservativo, la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico della ciminiera, oggi hub dell’innovazione sostenibile gestito da Trentino Sviluppo. Alta più di 42 metri e costruita 107 anni fa, la struttura è emblema e memoria di Borgo Sacco e di un’epoca. La notizia dell'inizio dei lavori è stata divulgata dall'ufficio stampa della Provincia autonoma di Trento che sottolinea, tra le altre cose, che questi lavori si sono resi necessari per preservare al meglio la ciminiera e per prevenire il naturale deterioramento dovuto all’azione del tempo e degli elementi atmosferici.

Ciminiera dell’ex Manifattura Tabacchi di Rovereto (2)-2

Prima di stabilire di quali interventi avesse bisogno la ciminiera, è stata condotta una campagna di indagine tra gennaio e febbraio del 2020. I test effettuati dagli ingegneri, come sottolineato dall'ufficio stampa della Provincia, hanno rilevato alcune irregolarità sulla sommità della ciminiera, oltre ad alcune lesioni ad andamento verticale dovute al differente gradiente termico tra le superfici interne ed esterne della canna. Dalle verifiche non sarebbero emerse criticità gravi in merito alla stabilità dell'intera struttura, o problemi di rilievo legati al terreno di fondazione. La torre verrà adeguata alle moderne normative statiche e sismiche. I lavori iniziati mercoledì mattina andranno a stabilizzare le fondamenta e a rinforzare la canna fumaria grazie all’installazione di una struttura in acciaio interna. Verrà poi chiuso il foro in copertura con un sottile pannello di vetro temperato, per cercare di limitare il deterioramento indotto da pioggia e neve. I lavori, per un valore complessivo di 351 mila euro, sono stati affidati alla ditta Fratelli Galli di Rovereto, diretti dall’ingegner Roberto Lorenzi, che ha curato anche le verifiche sulla Ciminiera e la progettazione del restauro e si concluderanno nei primi mesi del 2021.

Alta 42,62 metri, con un diametro di 3,80 metri alla base e 2,45 metri alla sommità, la Ciminiera, ben visibile dalla città, è situata nell’angolo sud-ovest dell’opificio, lungo via delle Zigherane. Costruita nel 1913, ha resistito a entrambe le guerre mondiali ed è forse uno degli elementi più rappresentativi dell’anima storica dello stesso compendio industriale. «È un intervento delicato dal punto di vista tecnico – spiega Nicola Polito, direttore operativo di Trentino Sviluppo – ma per noi è molto importante che futuro e tradizione manifatturiera continuino a convivere nei nostri incubatori. Essere proiettati verso il domani, ma poter toccare con mano i segni tangibili della grande industrializzazione del Trentino nel secolo scorso, è fonte d’ispirazione per gli startupper e i ricercatori che oggi si affacciano al mondo dell’imprenditoria in Progetto Manifattura. Senza contare l’impatto simbolico, paesaggistico e affettivo che la torre della Ciminiera, tutelata dalle Belle Arti, ha per gli abitanti di Borgo Sacco e in generale per la città di Rovereto e la Vallagarina. È un pezzo di storia che si innesta nei nuovissimi spazi produttivi Be Factory e che ci teniamo a valorizzare».

L'intero intervento è stato divido in tre momenti diversi:

  • stabilizzazione delle fondamenta grazie alla realizzazione di micropali da posizionare lungo il perimetro di fondazione e collegati sulle teste da cordoli in cemento armato;
  • rinforzo della canna del camino dal punto di vista sismico, grazie all’installazione di una struttura in acciaio interna;
  • realizzazione di una scala esterna in cemento armato. I gradini e le copertine dei muri di contenimento saranno rivestiti in pietra della Lessinia, nel rispetto del contesto storico-architettonico della Ciminiera stessa e chiusura del foro a copertura della Ciminiera con un vetro chiaro, temperato e stratificato, dello spessore di 20 millimetri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

Torna su
TrentoToday è in caricamento