menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Centro civio di Povo

Centro civio di Povo

Ristrutturazione ex centro civico di Povo: un intervento da oltre un milione di euro

La struttura sarà riqualificata sul piano energetico ed impiantistico. I locali al piano terra della parte sud verranno destinati ad associazioni

Il centro civico di Povo, in via Salè, verrà ristrutturato perché possa divenire funzionale a i nuovi obiettivi e alle esigenze contemporanee di comfort degli edifici pubblici e di basso consumo energetico degli stessi. L'intervento costerà 1 milione e 325mila euro e il cantiere sarà di 270 giorni consecutivi. L’edificio, come riporta una nota inviata dal Comune di Trento, originariamente era adibito a centro civico di Povo, ma dopo lo spostamento è stato in parte abbandonato ed in parte destinato provvisoriamente ad altre funzioni. Nella zona a sud erano collocati al piano terra gli uffici dell’anagrafe, l’ufficio del segretario e i servizi igienici, al piano superiore invece la biblioteca e la sala di lettura. Nella parte centrale dell’edificio è presente una sala polivalente a doppia altezza. Nella terza parte, esposta a nord, c'è l’atrio di ingresso alla struttura ed i servizi igienici al piano terra e la sala del consiglio e l’archivio al piano superiore.

Il progetto di riqualificazione della struttura prevede interventi dal punto di vista energetico, impiantistico e di adeguamento sismico. Inoltre, verranno sostituite tutte le finiture interne ed esterne nell'ottica di migliorare il comfort degli ambienti. Per ciascuno di questi interventi è stata predisposta una perizia acustica. I locali al piano terra della parte sud verranno destinati ad associazioni, improntate nelle relazioni familiari, per questo saranno realizzati una sala ed un laboratorio di cucina. Al piano superiore verranno realizzate due aule didattiche a disposizione della scuola primaria “Moggioli” posta nelle immediate vicinanze. L’accesso a queste avverrà attraverso un ingresso dedicato senza interferenze con le altre attività.

La sala polifunzionale resterà inalterata nelle dimensioni e proporzioni, ma verrà adeguata nel rispetto alla normativa di prevenzione incendi, per questo è stato anche richiesto un parere sul progetto alla Commissione di Vigilanza, per ottenere a fine lavori l’autorizzazione a pubblico spettacolo. La parte finale dell’edificio, quella esposta a nord, continuerà ad ospitare al piano terra l’atrio di ingresso , i servizi igienici, lo spogliato a servizio delle sala ed un deposito. Al piano superiore ci sarà una sala dedicata alla musica, isolata acusticamente dal resto. Questa sala avrà anche un deposito a disposizione, si troveranno entrambi vicini anche al locale per le macchine dell’aria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Rifugio sommerso dalla neve, i gestori chiedono aiuto ai trentini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento