Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

Una riorganizzazione di alcuni servizi per dare un nuovo impulso all'economia

La Provincia cambia: lavori pubblici e Pnrr al centro della redistribuzione di competenze, nasce il maxi Dipartimento territorio e trasporti, ambiente, energia, cooperazione

La Provincia autonoma punta a sostenere con forza il raggiungimento degli obiettivi sui temi legati all’ambiente e alla mobilità, e sentiti i dirigenti generali interessati, con una delibera approvata oggi dalla giunta e proposta dal presidente Maurizio Fugatti, riorganizza alcune competenze. Tra l'altro si prevede lo spostamento delle competenze in materia di mobilità dal Dipartimento infrastrutture e trasporti al ridefinito Dipartimento territorio e trasporti, ambiente, energia, cooperazione nonché quello delle competenze in materia di gestioni patrimoniali e di motorizzazione civile dal Dipartimento infrastrutture e trasporti alla Direzione generale e, in particolare, in una specifica Unità di missione strategica che viene appositamente istituita.

La configurazione organizzativa delle strutture apicali della Provincia necessita inoltre di un adeguamento a ragione dell'incremento di attività che caratterizzerà i prossimi anni con particolare riferimento al settore delle opere pubbliche e tra esse quelle previste dal Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza legato alle risorse del Recovery europeo).


Per questo motivo la Provincia autonoma ritiene opportuno ricondurre alla Direzione generale la gestione del patrimonio immobiliare e mobiliare della Provincia, al fine anche di accentrare nella struttura gerarchicamente sopraordinata a tutta l’organizzazione provinciale le scelte strategiche connesse al patrimonio disponibile e indisponibile della Provincia, e le competenze in materia di motorizzazione civile. Di conseguenza viene istituita una specifica Unità di missione strategica alla quale affidare le gestioni patrimoniali e le competenze in materia di motorizzazione civile. Con l'aggiunta di tale unità si intende infatti intervenire in particolare sull'attuale Dipartimento territorio e trasporti, ambiente, energia, cooperazione per focalizzarlo maggiormente sulla mobilità anche in prospettiva olimpica. Il Dipartimento infrastrutture si concentrerà sugli investimenti in infrastrutture (stradali, ciclabili, ferroviarie e civili) sgravandolo di alcune incombenze non strettamente funzionali a questo scopo (patrimonio, espropriazioni, logistica e manutenzione edifici provinciali, motorizzazione civile).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una riorganizzazione di alcuni servizi per dare un nuovo impulso all'economia

TrentoToday è in caricamento