Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

Cles, riapre il punto nascite con una nuova sala per le emergenze ostetriche

Appena la situazione epidemiologica lo permetterà riapriranno tutti i servizi connessi alla gravidanza, dalle prime ecografie fino al travaglio e parto

"Un segnale di speranza e possiamo dire davvero di rinascita: la riapertura oggi del punto nascite di Cles rappresenta un momento di ripresa importante dei servizi ospedalieri, fra i quali quello ostetrico e ginecologico che per le partorienti era molto atteso", così l'assessore alla salute e alla famiglia Stefania Segnana che è stata accolta assieme al presidente Maurizio Fugatti dal direttore dell'ospedale delle valli del noce Armando Borghesi e dal direttore dell'unità operativa di ostetricia e ginecologia Roberto Luzietti. Presenti anche il direttore sanitario di Apss Antonio Ferro, il sindaco di Cles Ruggero Mucchi e il commissario della Comunità di valle Silvano Dominici. Fugatti e Segnana hanno ringraziato i sanitari per l'impegno di questi ultimi mesi: durante il fermo del punto nascite il personale sanitario del reparto ha prestato servizio a Trento e Rovereto e presso i centri vaccinali. In questo periodo è stata inoltre realizzata una nuovissima sala per le emergenze ostetriche, che da oggi sarà operativa sullo stesso piano delle sale parto e delle degenze ostetriche.

Antonio Ferro ha spiegato che i servizi del percorso nascita saranno ripresi gradatamente: dalle prime ecografie al travaglio e parto, non appena la situazione epidemiologica lo consentirà. Soddisfazione e gratitudine sono stati espressi da Mucchi e Dominici, che hanno sottolineato l'importanza del servizio per le Valli di Non e Sole, che con la nuova sala emergenze risulta ancora più valido e sicuro dal punto di vista sanitario.

Dopo il punto nascita, Fugatti e Segnana hanno visitato il centro vaccinale allestito presso il centro per lo sport e del tempo libero di Cles. Aperto il 10 maggio scorso, il centro ospita sei linee vaccinali (oggi erano operativi due medici, tre infermieri, due amministrativi e due volontari), garantendo mediamente 200 vaccini al giorno e potendone raggiungere potenzialmente 400. Finora sono sono 13.300 i vaccini somministrati, ma dai rappresentanti delle istituzioni e dai dirigenti sanitari è stato rivolto un appello, affinché tutti gli aventi diritto usufruiscano dell'opportunità di vaccinarsi, per proteggere se stessi e per poter contrastare il più possibile la circolazione del Covid.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cles, riapre il punto nascite con una nuova sala per le emergenze ostetriche

TrentoToday è in caricamento