menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trento, il 18 giugno riaprono gli asili nido: disponibili solo metà dei posti

La riduzione si è resa necessaria per far rispettare le linee guida anti Covid

Dopo la decisione della giunta provinciale, giovedì 18 giugno riaprono anche gli asili nido di Trento.  A causa delle misure anti Covid-19 però ad essere disponibile sarà circa la metà dei posti.

"Tenuto conto - si legge in una nota del Comune - che lo svolgimento dei servizi è subordinato al rispetto puntuale del 'Protocollo salute e sicurezza nelle scuole -Covid-19, nidi d'infanzia e micro-nidi (0- 3 anni) e servizio Tagesmutter-nidi familiari' approvato dalla Giunta provinciale nella seduta del 3 giugno nonchè delle 'Linee guida per i servizi socio-educativi 0-3', il Comune ha dovuto procedere alla completa riorganizzazione del servizio di nido per garantire a tutte le persone coinvolte (bambini, famiglie, educatrici, personale ausiliario) la tutela della salute secondo tali disposizioni".

In particolare a cambiare è l'utilizzo degli spazi in termini di rapporto educatori-bambini per stanza, morivo per cui ogni struttura ha dovuto necessariamente ridurre i posti disponibili. "L’applicazione delle linee guida sanitarie - precisa il Comune - ha comportato una riduzione di circa il 50% dei posti disponibili rispetto all’effettiva capienza delle strutture".

Dopo che l'Ufficio infanzia ha informato le famiglie di tutti i bambini iscritti ai nidi d’infanzia comunali sulle nuove modalità di erogazione del servizio, sono arrivate nei termini (giovedì 11 alle ore 12) 412 domande a cui si aggiungono 26 domande oltre i termini. A tutte le famiglie che hanno presentato nei termini la manifestazione di interesse è stata offerta la possibilità di accedere al servizio di nido, mentre le domande presentate oltre i termini sono in corso di valutazione in base alla disponibilità di posti e ai gruppi di bambini già formati.

I gruppi educatrice-bambini saranno stabili per tutta la durata della frequenza fino al 31 luglio e saranno composti da 4 bambini per i più piccoli (fino ai 18 mesi) e 5 bambini per i più grandi (dai 18 ai 36 mesi). Il servizio di nido sarà erogato per un massimo di 6 ore al giorno, distribuite su varie fasce orarie allo scopo di garantire il distanziamento interpersonale in entrata e uscita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento