Attualità Centro storico / Via Rodolfo Belenzani

Botti di Capodanno: ecco le regole

Nessun divieto, come auspicato anche quest'anno dagli animalisti, ma il Comune di Trento ricorda le norme che regolano l'utilizzo di petardi e razzi

"Botti" liberi per Capodanno a Trento. Non ci sarà il divieto richiesto dalle associazioni animaliste, che prima delle Feste si erano appellate al Comune di Trento, come in molte città d'Italia, affinchè fossero messi al bando petardi e razzi, che causano problemi agli animali dimestici. "Per i festeggiamenti di Capodanno l'Amministrazione comunale raccomanda come ogni anno un utilizzo contenuto di petardi e fuochi d'artificio, per rispetto nei confronti delle altre persone che stanno festeggiando e degli animali che, come è noto, possono essere spaventati dai forti rumori" si limita a precisare una nota del Comune.

La modalità dell'utilizzo dei botti, ricorda la nota, sono disciplinate dall'articolo 50 del regolamento di polizia urbana che recita: “Petardi e materiali pirotecnici sono usati con modalità tali da non compromettere l’incolumità delle persone. È vietato usare o lanciare petardi e materiali pirotecnici in presenza di persone e di animali. L’uso di petardi e materiali pirotecnici è ammesso dalle ore nove alle dodici e dalle ore quindici alle ore ventuno, salva la deroga dalle ore zero alle ore sei del primo gennaio. Il presente comma non si applica alle attività connesse ai “ fuochi d’artificio classificati. È vietato lanciare o usare oggetti e sostanze atte ad offendere o danneggiare persone e cose. Chi viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 54 a 324 euro.”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botti di Capodanno: ecco le regole

TrentoToday è in caricamento