menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Trentino Trasporti

Trentino Trasporti

Agitazione degli operai di Trentino Trasporti: "I soldi della Provincia sono troppo pochi"

Continua la protesta a cui aderiscono le sigle sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Faisa Cisal

"I soldi messi a disposizione dalla Provincia non servono nemmeno a parificare la produttività data negli ultimi anni". È questa la motivazione alla base di una nuova agitazione del personale di Trentino Trasporti. 

Ad aderire alla protesta unitaria i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Faisa Cisal, che hanno evidenziato come la trattativa per il rinnovo del contratto non sia andata avanti. Sempre per questo motivo lo scorso 17 gennaio i dipendenti dell'azienda avevano proclamato uno sciopero di 24 ore. 

"Tra il 2001 e il 2019 - avevano dichiarato le sigle sindacali  - sono sfumate ben cinque possibilità di trattativa e ora viene richiesta più produttività al Personale in cambio, tra l’altro, di un quantum economico decisamente insufficiente. Produttività che negli anni passati è stata ampiamente garantita da tutti i lavoratori, che si sono impegnati nelle proprie mansioni a fronte di un contratto, come già ribadito, fermo da tempo. Si sottolinea inoltre che il personale addetto al Servizio Urbano, costretto a subire passivamente la disdetta unilaterale degli accordi (costruzione turni, agente unico), ha contribuito fortemente a sovvenzionare il trasferimento da Via Marconi a Via Innsbruck e che il personale di officina opera da anni con un organico sottodimensionato".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento