Don Ivan Maffeis: "I profughi della Diciotti ospitati dalla Chiesa, hanno aderito 40 Diocesi"

Trenta migranti della nave Diciotti saranno accolti dalla Chiesa, dietro l'operazione c'è il sacerdote trentino direttore dellì'Ufficio Comunicazioni della CEI

Saranno accolti nelle prossime ore presso varie diocesi italiane i circa trenta migranti della nave Diciotti che la Chiesa italiana si è offerta  di accogliere. Dietro all'operazione, formalizzata questa mattina con un accordo firmato al Viminale, c'è il sacerdote trentino don Ivan Maffeis che nei giorni della polemica sulla nave "ostaggio" del Ministero dell'Interno aveva espresso dure paprole di condanna per la situazione di stallo. Maffeis, trentino originario della Val Rendena, è direttore dell'Ufficio Nazionale delle Comunicazioni Sociali della CEI. 

"Nella giornata odierna Caritas Italiana ha provveduto a verificare le destinazioni dei profughi, facendo incontrare le storie di questi ultimi con la disponibilità offerta spontaneamente da oltre 40 Diocesi - si legge in una nota - Già nelle prossime ore – presumibilmente nella giornata di domani, venerdì 31 agosto – una trentina di migranti lascerà il Centro Mondo Migliore di Rocca di Papa per trovare accoglienza nelle prime strutture ecclesiali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

Torna su
TrentoToday è in caricamento