menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il laboratorio del dipartimento CiBio

Il laboratorio del dipartimento CiBio

Università: 64 docenti e ricercatori di Trento tra i più citati al mondo

Seconda università in Italia dopo Padova. Ecco i docenti ed i ricercatori citati

Università di Trento al top mondiale grazie alle persone che quotidianamente lavorano nei settori più disparati per portare avanti la ricerca scientifica. Sono ben 64 i professori e le professoresse, i ricercatori e le ricercatrici dell'ateneo trentino segnalati nella classifica stilata dalla Stanford University che ogni anno analizza gli autori più citati, e quindi più influenti, a livello mondiale in tutti i settori di ricerca. 

Il “World Ranking of Scientist” è una banca dati creata dalla Stanford University per provare a superare alcuni limiti dei ranking esistenti con una strategia diversa di calcolo. Per costruire uno strumento più affidabile, ad esempio, il database è stato elaborato sulla base di ben sei indici bibliografici standardizzati e con l’analisi di 22 settori disciplinari nel periodo 1996/2017. Il risultato è una fotografia di quasi 160 mila scienziati e scienziate più influenti al mondo, che rappresentano il due per cento di una platea totale di circa 6 milioni e 800 persone.

Tra ricercatori e ricercatrici citati/e, in servizio all’Ateneo di Trento, si trovano: Giorgio Vallortigara, Lorenzo Bruzzone, Davide Geneletti, Michael Dumbser, Nicola Pugno, Farid Melgani, Mario Diani, Vincenzo Casulli, Lorenzo Pavesi, Fulvio Mattivi, Stefano Giorgini, Davide Bigoni, Oreste Salvatore Bursi, Luca Zaccarian, Davide Brunelli, Dario Petri, Alessandro Pegoretti, Luca Lutterotti, Andrea Massa, Gian Pietro Picco, Alessandro Gajo, Gian Domenico Sorarù, Nicu Sebe, Roberto Battiti, Paolo Scardi, Gabriele Miceli, Giacomo Oliveri, David Melcher, Alessandro Moschitti, Manuela Piazza, Paolo Rocca, Nicola Segata, Massimo Donelli, Giovanni Straffelini, Fabio Casati, Luca Fiori, Fabio Massacci, Antonio Miotello, Guido Grandi, Matteo Leoni, Fausto Giunchiglia, Vincenzo Maria Sglavo, Alberto Montresor, Paolo Giorgini, Stefano Gialanella, Renzo Campostrini e Carlo Miniussi.

Tutti questi nomi rientrano nel due per cento degli studiosi e delle studiose che si distinguono a livello mondiale per autorevolezza scientifica sulla base del numero di pubblicazioni e di citazioni nelle relative aree disciplinari. Dalle neuroscienze alla sociologia, dalla fisica alla matematica e all’ingegneria. "Consideriamo questo risultato un’ulteriore conferma della qualità scientifica dei nostri studiosi e delle nostre studiose che con il loro lavoro contribuiscono allo sviluppo delle conoscenze nelle loro discipline. E danno prestigio all’Università di Trento e al Trentino nel mondo" ha commentato il rettore Paolo Collini. Nella classifica Trento è la seconda delle università italiane, dopo Padova. 

Inoltre due studiosi dell'ateneo sono stati nominati nella classifica “Highly Cited Researchers 2020”, stilata dal Web of Science Group – Clarivate Analytics. In questo caso la classifica include solamente l'1% degli studiosi e delle studiose a livello mondiale. Sono Francesca Demichelis e Nicola Segata, entrambi al CiBio. I due compaiono assieme ad altri 83 esponenti di istituzioni italiane su 6.400 nomi complessivi in lista.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Attualità

Covid, il governo al lavoro per le riaperture: il piano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento