menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alambicchi (da Pixabay)

Alambicchi (da Pixabay)

Al via la produzione della grappa: alambicchi accessi in Trentino

Finita la vendemmia 2019. Previsto lieve calo rispetto al 2018 ma con prodotto di ottima qualità

Alambicchi accesi in Trentino: finita la vendemmia, in più di venti distillerie è partita l'attività di distillazione per la produzione della grappa. Giorno e notte si lavora per ottenere uno dei prodotti italiani più rappresentativi nell'universo dei distillati.

"Come sempre un commento più specifico può essere fatto soltanto a fine lavoro, tuttavia la materia prima che sta arrivando in distilleria è di ottima qualità e fa presagire a una annata di grande livello per la grappa del Trentino – spiega il presidente dell’Istituto di Tutela Grappa del Trentino, Mirko Scarabello – in questo momento siamo all’inizio del lavoro, anche se come noto il nostro disciplinare rispetto agli altri in Italia prevede la chiusura degli alambicchi entro il 31 dicembre, ma per novembre le vinacce trentine saranno senz’altro già distillate".

Produzione 2019 in Trentino

Rispetto al 2018 si prevede un leggero calo nella produzione, pari a circa il 10-15%. La qualità però dovrebbe essere ottima: l'acidità delle uve è mediamente alta, fattore che determina la sanità e il livello delle vinacce in fase di fermentazione e conservazione. L’annata è particolarmente favorevole per le uve a bacca rossa, visto l’andamento climatico e il buon grado di maturazione raggiunto, ma anche nelle valli dove si vendemmiano in prevalenza vitigni a bacca bianca, le rese sono buone e la qualità della vinaccia notevole, con profumi di grande livello.

Quello della grappa in Trentino è un settore di non piccolo conto, soprattutto se calato nell’economia locale. Ogni anno vengono prodotti in Trentino circa 7.500 ettanidri di grappa (il 10% del totale nazionale in bottiglie da 70 cl) vale a dire circa 2,5 milioni di bottiglie equivalenti, distillando 130mila quintali di vinaccia. Tre le tipologie principali di grappa prodotta: quella da uve bianche e aromatiche (60% del totale) e il restante 40% uve a bacca rossa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Attualità

Giovo è in zona rossa, cosa si può fare?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento