rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Attualità

Processo Perfido, per trascrivere le intercettazioni in calabrese ci vorranno mesi

Nella quarta udienza del processo contro le presunte infiltrazioni della 'ndrangheta in Trentino il giudice Carlo Busato ha ammesso tutte le prove e i testimoni

Un terabyte di intercettazioni e decine di cd. Migliaia di ore di conversazioni che i periti che verranno nominati dalla Corte d’assise di Trento dovranno riascoltare e trascrivere. Dialoghi in dialetto calabrese da tradurre in italiano per renderli comprensibili a tutte la parti del processo Perfido contro le presunte infiltrazioni della ’ndrangheta nel settore del porfido in val di Cembra.

'Ndrangheta in val di Cembra, Ferrari: "Nelle cave gli affari vanno avanti"

Mercoledì 2 marzo, nel corso della quarta udienza del filone principale del processo, il giudice Carlo Busato ha  ammesso tutte le prove e tutti i testimoni presentati dagli avvocati della difesa, dai pubblici ministeri e dalle parti civili. Un centinaio di persone che saranno chiamate in aula a deporre.

Ma prima di cominciare occorrono le intercettazioni. L’incarico per la trascrizione verrà affidato a un perito (o più periti, sperano le parti, affinché non si perda troppo tempo) alla prossima udienza fissata per giovedì 10 marzo. Per trascrivere tutte le intercettazioni potrebbero infatti volerci dei mesi e nel frattempo il processo è bloccato.

Sono 11 gli imputati rimasti in questo filone (gli altri hanno scelto riti alternativi e per alcuni è già arrivata la prima sentenza): Innocenzo Macheda (detenuto a Rovigo), Giuseppe Battaglia (nel carcere di Siracusa), Mario Giuseppe Nania (Secondigliano), Domenico Ambrogio e Demetrio Costantino (Voghera), Pietro Battaglia (Tolmezzo), Giovanna Casagranda (agli arresti domiciliari), Giovanni Alampi (Bologna), Antonino Quattrone (Prato), Federico Cipolloni (che ha solo l’obbligo di dimora ed era videocollegato dallo studio del suo avvocato) e Vincenzo Vozzo (ai domiciliari).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Perfido, per trascrivere le intercettazioni in calabrese ci vorranno mesi

TrentoToday è in caricamento