rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Attualità Arco

Presidio degli operatori della sanità all'ospedale di Arco

La protesta di Nursing Up e Uil Fpl: "A rischio la salute dei lavoratori e i servizi al cittadino"

Arriva a toccare anche l'ospedale di Arco la mobilitazione del personale sanitario indetta dai sindacati trentini Nursing Up e Uil Fpl Sanità. Una protesta che continua, dopo il sit-in dello scorso 24 settembre a Trento presso la sede dell'Apss, e che non si fermerà se non arriveranno le risposte richieste. I sindacati infatti si dicono pronti a proseguire la mobilitazione con manifestazioni anche in altre strutture dell'Azienda sanitaria.

Le sigle chiedono il rifinanziamento del contratto (scaduto da tre anni), insieme agli incentivi Covid per il 2021, e denunciano una ormai cronica carenza di personale infermieristico, tecnico-sanitario, ed Oss.

nursing up arco 2-2-2

"Prima eroi, poi dimenticati" ricordano i sindacati. E quello del personale è un problema reale, aggravato dalle sospensioni dei medici non vaccinati decise nelle ultime settimane dall'Azienda sanitaria.

nursing up arco 3-2

"La crescente mancanza di personale, ora aggravata dalle sospensioni degli operatori non vaccinati, costringerà ad ulteriori sacrifici quello che resterà in servizio. È a rischio - dicono le sigle - non solo la salute degli operatori ed il loro operare in sicurezza, ma anche la qualità delle cure nei confronti del cittadino, che merita un’adeguata assistenza, questa situazione rischia di portare ad una crescente contrazione dei servizi e dell’offerta sanitaria. Con la nostra mobilitazione vogliamo dimostrare vicinanza e sostegno ai tanti nostri colleghi quotidianamente impegnati nei reparti e servizi, ma anche portare la nostra testimonianza di disagio e preoccupazione ai cittadini ed ai politici locali, che rappresentano la collettività".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidio degli operatori della sanità all'ospedale di Arco

TrentoToday è in caricamento