menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidio (da Fb/Franco Iosinelli)

Il presidio (da Fb/Franco Iosinelli)

Lavoratrici del comune in sciopero: "Vogliono dimezzarci lo stipendio e già prendiamo 7 euro lordi l'ora"

No dei sindacati all'appalto capestro che "condanna alla povertà 70 persone"

Sciopero delle lavoratrici delle pulizie del Comune di Trento al grido di "no all'appalto capestro. Sono persone e non numeri!". È quanto accaduto nella giornata di lunedì 2 settembre, verso le 18.

"Faccio le pulizie per il comune di Trento da 22 anni e mi devo mantenere. Spero di risolvere. L'appalto ci riduce l'orario del 50% e di conseguenza anche lo stipendio. E già prendiamo 7 euro lordi l'ora", afferma una delle scioperanti. "La mobilitazione vuole dire basta a questo appalto del Comune che dimezza i salari delle lavoratrici e le porterà su una strada. Oggi ai consiglieri comunali chiederemo il ritiro immediato di questo bando di gara scandaloso che è un oltraggio alla dignità", dichiara poi una sindacalista della Cgil Trentino.

"Di fare le pulizie non ci vergogniamo ma chiediamo rispetto", si legge infine in uno degli striscioni esibiti durante la manifestazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento