menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piste da sci: "Se la situazione contagi dovesse continuare così è possibile una riapertura"

Il governatore: "Dobbiamo lavorare per riaprire, ma oggi non lo possiamo ancora dire"

"Lo sci è sport, è un’attività praticata all’aria aperta e in spazi ampi. Con le dovute accortezze e con un rigoroso controllo del rispetto delle regole imposte da questo periodo, può e deve essere consentito". Il messaggio del vicepresidente della Confesercenti trentina Mauro Paissan si aggiunge al coro dei rappresentanti del settore, che chiedono a più voci un ripensamento al Governo.

Quello che non va giù agli addetti ai lavori è l'equazione tra sci e movida e la facilità con la quale le autorità sanitarie intendono "liquidare" la questione. "Quando diciamo “una stagione con o senza sci”, non parliamo in modo leggero solo dello sciare e del divertimento da parte dei tanti appassionati; stiamo indirettamente parlando del lavoro di migliaia di operatori. Una stagione senza sci è un suicidio economico".

"Riteniamo che si possa aprire qualora la situazione sanitaria lo permettesse - ha detto il governatore trentino Maurizio Fugatti in conferenza stampa - se guardiamo i dati di questi ultimi 10-15 giorni, al netto dei decessi il cui numero rimane pesante, possiamo dire che il livello dei contagi si è stabilizzato quindi pensiamo che se questa linea continuerà nei prossimi giorni la situazione sanitaria potrebbe permettere una riapertura, ma oggi non lo possiamo ancora dire". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Palazzo del Diavolo a Trento: ecco la leggenda

Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento