menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolta fondi dopo il maltempo, esauriti in 10 giorni 16.000 panettoni

Panettoni alpini sold out, il ricavato servirà per aiutare le famiglie colpite dal maltempo, ed i boschi trentini

Ha fatto breccia nel cuore dei trentini e degli italiani l'operazione "l'Alpino adotta un pino" lanciata dalle penne nere trentine dopo l'emergenza maltempo che ha colpito il territorio provinciale a fine ottobre. A dieci giorni dal lancio dell'iniziativa sono andati esauriti 16.000 panettoni.

Privati, aziende, perfino una Diocesi: in tanti hanno deciso di trasformare il dolce natalizio in un omaggio solidale. «La campagna ha raccolto una grande adesione, segno di sensibilità e solidarietà nei confronti delle popolazioni colpite dall’alluvione delle scorse settimane – commenta il Presidente della Sezione ANA di Trento Maurizio Pinamonti – e noi vogliamo dire sedicimila volte “grazie”, a chiunque abbia voluto contribuire all’iniziativa. Le adesioni sono arrivate da tutta Italia».

I panettoni sono finiti, ma la raccolta fondi no: si può ancora “Aiutare ad aiutare”. I panettoni sono terminati ma l’iniziativa “L’Alpino adotta un pino” va avanti. Gli interessati infatti possono contribuire con una donazione sul conto corrente bancario presso Cassa Rurale di Trento, intestato a Sezione Alpini di Trento, IBAN: IT 25 O 08304 01806 00000 6306 272 specificando la causale del versamento “Aiutaci ad aiutare - l’Alpino adotta un pino”. «La donazione sarà altrettanto gradita e utile – sottolinea Pinamonti – perché ci permetterà di fare qualcosa di importante per le famiglie colpite e per il recupero ambientale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento