Orso di Andalo, l'Enpa: "La Provincia incapace di gestire gli orsi in Trentino, intervenga il Ministro"

Il commento dell'associazione animalista dopo la cattura dell'animale

Repertorio

Una Provincia incapace di gestire gli orsi, restia a fare informazione e applicare misure dissuasive e preventive che potrebbero rendere possibile la convivenza tra uomo e fauna selvatica. È il quadro delineato dall'Enpa dopo la cattura dell'orso che ad Andalo ha aggredito un carabiniere.

"Per prima cosa - scrive l'associazione animalista - intendiamo rivolgere i nostri sinceri auguri di veloce guarigione al giovane carabiniere, involontario protagonista di quanto accaduto nella serata di ieri. Ancora tutta da chiarire la dinamica dei fatti, anche a fronte del comunicato stringato e non esaustivo della Pat. Ma alcuni elementi diffusi dai media pongono seri dubbi sulla gestione del rapporto fra uomo e animali selvatici".

"Alcuni elementi - continua la nota dell'Enpa - ci fanno fortemente dubitare che la Pat abbia le necessarie competenze in tema di gestione della fauna selvatica. L’orso catturato sarebbe M57, un maschio in dispersione di circa 2 anni e mezzo, che avrebbe già in precedenza mostrato (secondo le notizie circolate) di essere particolarmente confidente verso le persone e particolarmente attirato dai rifiuti di cibo. Addirittura, sembra che poco prima di essere catturato sia stato filmato mentre sostava in mezzo ad una strada, frugando in alcuni sacchi di rifiuti, ed anche al momento della cattura rovistava nei cassonetti".

"Proprio il fatto che questi comportamenti erano già noti - prosegue l'associazione - ci fa chiedere quali azioni di dissuasione siano state poste in essere, al fine di tenerlo lontano dalle zone frequentate, in quali occasioni siano state attuate, quante volte e con che risultati. Già all’inizio di maggio, in occasione di alcuni video di giovani orsi (uno di questi potrebbe essere proprio M57) che rovistavano in cassonetti e addirittura frugavano nei sacchi di rifiuti abbandonati sul terreno, Enpa aveva scritto all’assessora Zanotelli e ai dirigenti di riferimento, per chiedere sia provvedimenti atti a disincentivare gli animali dalla ricerca di cibo nei centri abitati che ad esercitare il controllo sul corretto conferimento dei rifiuti, con le eventuali sanzioni, al fine di evitare l’abituazione alla presenza umana".

"Tutto ciò evidenzia come la provincia di Trento sia del tutto restia ad applicare quelle misure informative, dissuasive e preventive previste dal Pacobace - conclude Enpa -. È dunque tempo che il Ministro – per il bene degli animali e dei cittadini – si riappropri pienamente della gestione degli orsi, animali particolarmente protetti e bene indisponibile dello Stato su cui la Provincia sembra muoversi in una totale autonomia e allo sbaraglio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento