Revocata l'ordinanza di cattura per gli orsi avvistati vicino ai centri abitati

Oipa si rallegra, ma la battaglia a difesa degli orsi continua. Comparotto: «Siamo ancora in giudizio per l’annullamento dell’ordinanza di cattura dell’orsa JJ4, madre di tre cuccioli, e per la tutela dei tre orsi detenuti al Casteller»

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, lunedì 5 ottobre ha revocato la sua ordinanza del 27 agosto scorso che disponeva la cattura e la detenzione di qualsiasi orso che, pur senza causare danni, si fosse avvicinato ai centri abitati dei Comuni di Andalo e Dimaro Folgarida.

«Questa decisione ci rallegra e ne riconosciamo il buon senso», commenta il presidente dell’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali), Massimo Comparotto. «Le nostre battaglie legali proseguono. Siamo ancora in giudizio per l’annullamento dell’ordinanza di cattura dell’orsa JJ4, madre di tre cuccioli, e per la massima tutela dei tre orsi detenuti al Casteller e attualmente chiusi nelle cosiddette “tane”, in realtà celle di pochi metri quadri».

Le battaglie legali dell'Oipa a difesa degli orsi trentini proseguono. L'associazione ha presentato alla Procura della Repubblica di Trento istanza di sequestro preventivo del Centro faunistico della Provincia Autonoma di Trento “Casteller” per inidoneità della struttura a ospitare gli orsi attualmente detenuti, e gli altri che si prevede di catturare. L’associazione si riserva inoltre di presentarsi nell’eventuale giudizio anche come parte civile. L’istanza di sequestro si aggiunge all’esposto per maltrattamento già depositato per l’orso M49 che, a seguito dei risultati del sopralluogo nel centro di detenzione svolto dagli esperti inviati dal Ministero dell’Ambiente, è stato integrato da una denuncia querela a tutela anche degli altri due orsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Porfido, armi, voto di scambio: le mani della 'ndrangheta sulle cave in Trentino

  • Il Comune ha deciso: niente Mercatini di Natale

  • Il Giro d'Italia 2020 arriva in Trentino: ecco le tappe

  • Bollettino coronavirus: altri 111 nuovi casi, oggi tutti con tampone

  • Intimidazioni agli operai e agganci politici: ecco come agiva la 'ndrangheta in Val di Cembra

  • Via Brennero: arrivano i semafori intelligenti che fanno le multe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento