Orsi trentini, il ministro Costa lancia un appello a Fugatti

Costa: «La prego, liberi gli orsi detenuti al Casteller: possono essere monitorati scongiurando ogni pericolo. Facciamo prevalere il buonsenso»

Il ministro all’ambiente Sergio Costa ha lanciato un appello al presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, per la libertà degli orsi del Trentino detenuti al Casteller, durante il meeting di venerdì 9 ottobre di Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali). L’appello è arrivato attraverso un video indirizzato al meeting online organizzato dall’organizzazione di Trento, coordinato da Ornella Dorigatti, delegata trentina dell’associazione. All’incontro hanno partecipato esperti, studiosi e operatori impegnati nella salvaguardia dell’ambiente e degli animali riuniti per discutere sulla vicenda degli orsi trentini e sulla gestione del progetto Life Ursus.

«Il tema degli orsi trentini mi sta particolarmente a cuore e lo sto seguendo da quando sono diventato ministro», ha dichiarato il ministro Costa nel video. «C’è molto da fare per la tutela dell’orso, senza trascurare le esigenze del territorio. Ringrazio Ornella Dorigatti per la sua passione, costanza e  determinazione: è un  punto di riferimento. L’ho  sentita telefonicamente durante il suo sciopero della fame per la tutela degli orsi».

Il ministro ha ribadito che, pur essendo la sua competenza limitata su alcuni ambiti riservati alla Provincia autonoma, il suo impegno a favore degli orsi non verrà meno, sia esercitando una moral suasion, ovvero quella sorta di potere intrinseco che può essere esercitato da un'autorità che in un certo campo ha obblighi di vigilanza e garanzia; sia «affiancando qualsiasi attività in sede giurisdizionale o proponendola io stesso». Infine l’appello del ministro al presidente Fugatti, che con sue ordinanze ha catturato e rinchiuso nel Casteller gli orsi M49 e M57, e dov'e è rinchiusa da nove anni DJ3, figlia della celebre Daniza, uccisa durante le operazioni di cattura nel 2014.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Presidente, la prego, lei può: liberi gli orsi detenuti al Casteller - chiede Costa -. Con i profili di tutela e sicurezza sia degli allevatori e cittadini, possono essere monitorati tramite radiocollare e anche dal corpo forestale provinciale, in modo tale da non rappresentare un rischio e pericolo come è stato affermato, non da me. Si può fare. Evitiamo le sedi giurisdizionali e penali, facciamo prevalere il buon senso. La prego di questo. Mi affido anche all’Oipa affinché facciate, con garbo istituzionale, ma con la vostra passione e determinazione, tutto ciò che è possibile, ragionevole e istituzionale per portare avanti questa battaglia di civiltà».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Porfido, armi, voto di scambio: le mani della 'ndrangheta sulle cave in Trentino

  • Roveré della Luna, Vigile del Fuoco muore a 43 anni con il coronavirus

  • Il Comune ha deciso: niente Mercatini di Natale

  • Coronavirus, due morti in Trentino: non anziani ma adulti con altre patologie

  • Bollettino coronavirus: altri 111 nuovi casi, oggi tutti con tampone

  • Via Brennero: arrivano i semafori intelligenti che fanno le multe

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento