Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità San Giuseppe / Vicolo Santa Maria Maddalena

Trento, confermata l'ordinanza anti-movida: ecco le direttive

Dopo le proteste e gli assembramenti di mercoledì notte, il sindaco Ianeselli conferma la linea rigida. Il provvedimento vale per le giornate di venerdì e di sabato

Il sindaco Franco Ianeselli ha firmato l’ordinanza per evitare, venerdì e sabato, assembramenti in prossimità degli esercizi pubblici autorizzati alla somministrazione di bevande situati nelle aree limitrofe a Via S. Maria Maddalena. «La decisione di reiterare il provvedimento» si legge nella nota «è stata condivisa nell’ultima riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica anche in considerazione della delicatezza del momento sanitario in cui l’emergenza covid non è ancora superata ed è assolutamente necessario non abbassare la guardia e continuare ad adottare tutte le precauzioni di questi mesi».

Confermata quindi l’ordinanza che potrebbe essere riproposta anche in futuro, in base a cosa accadrà nei prossimi giorni. Il provvedimento, sottolinea ancora la nota, è stato reso necessario dalla permanenza serale di persone nella zona di S. Maria Maddalena (e più specificatamente nelle vie S. Maria Maddalena, Vicolo S. Maria Maddalena, Via Ferruccio, Via Marchetti, Vicolo S.Marco e Via San Pietro) con l’abitudine ormai consolidata, sia da parte di minori che di persone adulte, di ritrovarsi e aggregarsi nell’area antistante al “Liceo Bomporti” per il consumo  di bevande alcoliche e non, portate dalle proprie abitazioni.

«Gli assembramenti conseguenti creano una situazione preoccupante sotto il profilo sanitario» sottolinea la comunicazione del Comune, «sia per il mancato distanziamento sociale tra i presenti (in molte occasioni in numero superiore al centinaio in spazi ristretti), sia per l’assenza o lo scarso utilizzo delle mascherine (spesso tolte per bere o per fumare), sia per comportamenti poco civili degli stessi frequentatori».

L’ordinanza prevede quindi per venerdì 28, e per sabato 29 maggio:

1) la chiusura dalle ore 18 alle ore 5 del giorno successivo di vicolo San Pietro e vicolo San Marco.

Rimane consentito l’accesso e deflusso alle abitazioni private e quello agli esercizi commerciali aperti all’interno delle vie in questione, solo per il tempo necessario all’acquisto o alla consumazione al tavolo, ma senza possibilità di permanenza successiva sulla pubblica via.

2) nella fascia oraria compresa tra le ore 18 e le ore 5 del giorno successivo, nelle vie Santa Maria Maddalena, Vicolo S.Maria Maddalena, Via Dietro Le Mura B, Via Ferruccio, Via Marchetti, Vicolo San Marco, Vicolo San Pietro, il divieto di consumo di bevande e alimenti e la detenzione degli stessi anche in contenitori chiusi ad esclusione del consumo effettuato - in base alle disposizioni vigenti - negli spazi dei pubblici esercizi autorizzati.

Nel caso di violazione dell'ordinanza, è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria da  400 a 1000 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trento, confermata l'ordinanza anti-movida: ecco le direttive

TrentoToday è in caricamento