Claudio Cracovia nuovo questore della provincia autonoma di Trento

Claudio Cracovia lascia la questura di Ancona dopo 10 mesi: il Viminale l'ha assegnato alla provincia autonoma di Trento

Claudio Cracovia ad Ancona

Nuovo questore nella Provincia autonoma. A dirigere la questura di Trento sarà Claudio Cracovia, che subentra a Giuseppe Garramone e viene da Ancona, dove ha ricoperto il ruolo di questore. A decidere del cambiamento Dipartimento di pubblica sicurezza che ha disposto un ampio movimento di questori che coinvolge 14 città italiane.

Claudio Cracovia era subentrato ad Oreste Capocasa nel capoluogo marchigiano dall’aprile 2019. Giuseppe Garramone invece si era insediato a Trento nel settembre del 2018 quando aveva 62 anni; in precedenza aveva ricoperto ruoli sempre al servizio del Viminale nel Dipartimento di Pubblica Sicurezza a Modena e Roma.

Cracovia nel 2001 è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere all’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e dell’attestato di Pubblica Benemerenza per l’opera prestata in occasione dell’alluvione che aveva colpito il Piemonte nell’anno precedente. Per l’esperienza acquisita nel settore della sicurezza è stato chiamato a dirigere i servizi connessi ad importanti eventi internazionali come i vertici 'G8' a Genova e a situazioni di particolare rilevanza come il terremoto dell’aprile 2009 in Abruzzo, le manifestazioni di dissenso nei confronti dei lavori per l’Alta Velocità ferroviaria in Valle di Susa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

  • "Addio Betta, un esempio per tutti noi": soccorritrice stroncata dalla malattia

Torna su
TrentoToday è in caricamento