rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Attualità

Più controlli (anche di notte), patenti e monopattini: come cambia il Codice della strada

A gennaio è prevista la convocazione di un tavolo tecnico, ma sono già diversi i provvedimenti in fase di valutazione: dalla prevenzione al focus su monopattini e ciclisti, ecco le principali novità

Con il vertice avvenuto a Roma tra il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Matteo Salvini, il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, il ministro dell'Istruzione e del merito Giuseppe Valditara, presente anche il Capo della Polizia Lamberto Giannini, ha avuto inizio l'iter che porterà alla riforma del Codice della strada. Un pacchetto di norme discusso al Mit, che inizierà a prendere forma da gennaio, quando sarà convocato un tavolo tecnico. Molte le novità soprattutto per quanto riguarda la sicurezza stradale.

Più controlli, anche di notte

Come confermato dalla nota pubblicata sul sito del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, uno dei provvedimenti praticamente certi riguarda l'aumento dei controlli, anche di notte: "È stato deciso un incremento dei controlli, anche nelle fasce notturne". Una mossa che punta a garantire una maggiore sicurezza sulle nostre strade, sempre più spesso teatro di drammatici incidenti. Decine di vittime, molte delle quali giovani: nel 2022 gli scontri mortali sono aumentati del 25% rispetto all'anno precedente: una strage che il Governo intende contrastare agendo sulla prevenzione. Sempre rimanendo in tema di prevenzione, l'esecutivo sta pensando di coinvolgere maggiormente le scuole in attività di informazione, anche con la possibilità di attribuire crediti scolastici.

Patente a punti, si cambia?

A gennaio verrà convocato il tavolo tecnico che dovrà lavorare alla revisione del Codice della strada, un "task force" che coinvolgerà anche gli esperti del ministero della Giustizia. Tra le idee in fase di studio c'è un inasprimento delle pene nei confronti di chi provoca incidenti stradali sotto l'effetto di alcol o droga. In particolare, si sta valutando l'ipotesi del "ritiro a vita" della patente nei casi più gravi, o comunque di un ritiro con tempistiche superiori a quelle attualmente in vigore. Inoltre, c'è anche la possibilità che l'attuale sistema "a punti", venga sostituito da un nuovo meccanismo a tappe e in continuo aggiornamento.

Novità per monopattini e bici

Una particolare attenzione è stata dedicata anche ai monopattini, tra i mezzi di trasporto che stanno prendendo maggiormente piede nelle grandi città. Vista l'attuale assenza di regole specifiche e l'aumentare degli incidenti che coinvolgono i monopattini, l'esecutivo sta pensando all'ipotesi di rendere obbligatori il casco e le targhe. Focus particolare anche per i ciclisti: anche in questo caso, l'intenzione è introdurre dei provvedimenti che incrementino la tutela di chi si sposta in bicicletta, che sia per sport o per necessità.

(Fonte: Today)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più controlli (anche di notte), patenti e monopattini: come cambia il Codice della strada

TrentoToday è in caricamento