Muse: solo un dipendente su due è a tempo indeterminato, ma dai precari arriva il 40% delle risorse

Lanzinger: "C'è uno squilibrio tra i contratti a tempo indeterminato e gli altri, molti di loro si occupano di un settore strategico qual è la scuola"

Il 60% del personale del Muse è a contratto, ma proprio da questo arriva il 43% delle risorse. Lo ha deto il direttore del Museo della Scienza di Trento, Michele Lanzinger, sentito dalla Quinta Commissione consiliare. "C'è uno squilibrio tra il personale a tempo indeterminato e quello a contratto, tra questi ultimi ci sono tutti quelli che lavorano nel settore delle scuole - ha detto - un settore strategico, visto che il 43% delle riorse che permettono al Muse di vivere vengono dalle attività messe in campo, in particolare quella educativa".

Il Muse si "espande" alle Albere

Una questione nota da tempo, denunciata a più riprese da lavoratori e sindacati, ma che continua ad essere la realtà all'interno di uno dei musei più visitati d'Italia e d'Europa. Gli addetti, nelle varie sedi del Museo, sono 252, ai quali si aggiungono ben 172 ragazzi e ragazze che lavorano con progetti di tirocinio all'interno dell'alternanza scuola-lavoro, e 115 volontari. 

Un'altra importanrissima fonte di risorse sono i progetti europei e provinciali. "Il museo - ha detto Lanzinger - ha un buon livello di attrazione di finanziamenti legati ai progetti dell’Unione Europea e della Provincia. Il Muse mobilita 26 milioni e 635 mila euro all’anno, di questi 9 milioni e 800 mila grazie agli stipendi e all’occupazione che crea; 7 milioni e 600 mila dalla fiscalità che genera; l’impatto dell’indotto sull’economia trentina è di 9 milioni e 225 mila euro. Cifre che stanno a dimostrare che molti degli investimenti del Muse dopo sei anni sono già rientrati". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In sei anni il Muse ha raggiunto quota 3 milioni e mezzo di presenze: il 71% dei quali visitatori, il 25% scolaresche e il 7% di turisti esteri. Un settore, ha detto Lanzinger, sul quale si sta lavorando anche con Trentino Marketing, visto che l’84% dei visitatori e degli studenti viene da fuori provincia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Elezioni nelle Circoscrizioni: ecco i risultati

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

  • Elezioni comunali: affluenza al 64%, a Trento in aumento di 6 punti

  • Elezioni comunali 2020: ecco i primi 21 sindaci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento