Università in lutto per la scomparsa del prof Zuelli, ex rettore e "padre" di Sanbapolis

Preside di Giurisprudenza, rettore e poi presidente dell'Opera Universitaria

L'Università di Trento e l'intera comunità trentina sono in lutto per la scomparsa di Fulvio Zuelli, Rettore dell'ateneo dal 1990 al 1996 e presidente dell'Opera Universitaria dal 1997 al 2014. Grande innovatore e "padre" del progetto Sanbapolis, lo studentato di Trento Sud che oggi ospita sport, cultura, eventi oltre alle residenze per studenti. 

Nato a Reggio Emilia ma trentino d'adozione, preside della Facoltà di Giurisprudenza e professore emerito dell'Universitò, Zuelli aveva ricevuto dalla Provincia la massima onorificenza, l'Aquila di San Venceslao, nel 2014. In quell'occasione alle espressioni di stima e riconoscenza nei suoi confronti, aveva replicato: «Ho passato in Trentino molti anni, tutti dedicati agli studenti: sono loro la vera università».

"Con la scomparsa oggi a Trento di Fulvio Zuelli se ne va un personaggio di rilievo per la storia dell’Università di Trento e per lo sviluppo del dialogo con la città - scrive il rettore Paolo Collini -  Teneva all’istituzione, al suo prestigio, alla sua reputazione. Aveva a cuore il suo futuro. Era una persona vivace, sempre attiva e dinamica anche se molto riservata. Ho seguito con tristezza i suoi ultimi anni, quando la salute lo stava abbandonando. Rimane nel ricordo di tanti di noi che lo hanno conosciuto e apprezzato. E nella storia dell’Università di Trento».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

Torna su
TrentoToday è in caricamento