Il Trentino della solidarietà in lutto: addio a Gualtiero Franzoni, sempre al fianco degli ultimi

Una vita vissuta in solidarietà con i bisognosi, attraverso il movimento cooperativo. Fu fondatore del Punto d'Incontro insieme a don Dante Clauser

Il mondo del sociale trentino piange Gualtiero Franzoni, uno dei protagonisti del movimento delle cooperative di solidarietà sociale e dell'accoglienza a Trento. Se n'è andato a 95 anni, dopo una vita spesa per il riscatto dei bisognosi e degli emarginati. Fu tra i fondatori del Punto d'Incontro di via Travai, insieme a Don Dante Clauser, di pochi anni più vecchio. Fondò poi la cooperativa Il Gabbiano, sempre a fianco degli ultimi, ed infine fu volontario per 15 anni nella cooperativa La Sfera. 

Nel 2015 fu insignito del Distintivo d'oro della Federazione della Cooperazione trentina  “per aver messo a disposizione tutte le sue energie e competenze per far crescere e prosperare la cooperativa, sapendo lasciare spazio ai più giovani, facendola diventare punto di riferimento per la comunità intera. Per i suoi quarant’anni di impegno volontario e gratuito all’interno della cooperazione sociale, per aver sempre ‘fatto’ e insieme ‘pensato’, ma ancora più di tutto per le sue caratteristiche umane di altruismo, sincerità, autorità e carisma, messe sopra tutto e prima di tutto al servizio dei più deboli e meno fortunati”.

Lo ricorda, con un post su facebook, Piergiorgio Bortolotti, un altro protagonista del Punto d'Icontro: "Sarà anche un pensiero banale, ma quando oggi ho appreso che è morto Gualtiero Franzoni, mi è sorto spontaneo immaginare il suo reincontro con don Dante come una sorta di rimpatriata o somigliante a certi dopo cena di tanti anni fa al Punto d’Incontro durante i quali eravamo soliti raccontarci gioie, fatiche e speranza, il tutto condito da sana ironia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scrive ancora Bortolotti: "Era l’homo faber della situazione, la persona capace di dare soluzione ai tanti problemi di ordine pratico e lavorativo, ma anche l’uomo del dialogo e dell’aiuto non pietoso verso chi versava nel bisogno. E' stato l’uomo della testimonianza semplice, umile e operosa di cristiano con le mani sporche e callose, non certo il salottiero dell’impegno e della solidarietà". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rubano l'acqua del Comune per le fragole ma prosciugano l'acquedotto: danno da 220.000 euro

  • Valfloriana: auto e moto a fuoco dopo lo schianto, una persona ha perso la vita

  • Covid, picco di contagi in Trentino: 76 nelle ultime 24 ore

  • Valfloriana, incidente mortale: motociclista muore carbonizzato

  • Coronavirus: 32 nuovi casi, ci sono altri 3 contagiati nelle scuole

  • Elezioni comunali: seggi aperti, ecco tutte le informazioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento