Morti sul lavoro, in Trentino sono più del doppio dell'anno scorso

Un presidio di protesta ha visto i sindacati in piazza Dante davanti ai palazzi della Provincia e della Regione

Sindacati in piazza Dante

Nel corso del 2019 le morti sul lavoro sono più che raddoppiate in Trentino. Questo il dato che nella giornata di giovedì 28 novembre i sindacati hanno voluto sottoporre ai consiglieri provinciali: un presidio si è raccolto in piazza Dante davanti ai palazzi della Provincia e della Regione. 

A partecipare alla manifestazione i sindacati Cgil, Cisl e Uil. Una delegazione dei manifestanti è stata poi ricevuta dal presidente della Regione, Walter Kaswalder.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della mobilitazione la sindacalista Manuela Faggioni ha dichiarato che servono più risorse dal bilancio provinciale per consentire maggiori controlli nei posti di lavoro e più formazione dei lavoratori. L'Ispettorato del lavoro conta 30 addetti in tutto, necessari quindi più ispettori Uopsal, per una fitta azione preventiva.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento