rotate-mobile
Sabato, 26 Novembre 2022
Orsi

Morte orsa F43, Rossi: "Fugatti si dimetterà come chiese a noi con Daniza?"

Quando nel 2014 morì l'orsa Daniza, il consigliere provinciale di minoranza era presidente della Provincia e fu attaccato duramente da Fugatti

Dopo le proteste del mondo animalista per la morta dell'orsa F43, deceduta nella notte tra lunedì e martedì durante le operazioni di sostituzione del radiocollare che portava dal luglio 2021, al coro di polemiche si aggiungono anche quelle di chi governava il Trentino quando a essere uccisa fu Daniza

Il paragone tra i due casi è stato immediato anche per gli animalisti: entrambi gli orsi sono morti a seguito di anestesia durante un tentativo di cattura. Quando nel 2014 morì Daniza l'allora consigliere Maurizio Fugatti (oggi presidente) affermò che le responsabilità andassero addossate a "una Giunta provinciale che non è in grado nemmeno di catturare un orso munito di radiocollare senza ucciderlo" arrivando a chiedere che l'allora presidente Ugo Rossi (oggi consigliere provinciale di minoranza) rassegnasse le dimissioni "per incapacità e incompetenza".

"Io non chiederò certo le dimissioni del presidente - afferma oggi Rossi - ma voglio sapere se Fugatti ritiene vi sia stata anche in questo caso una 'gestione imbarazzante e la mancanza di professionalità'". Per ottenere una risposta il consigliere del gruppo misto ha presentato oggi, mercoledì 7 settembre, un'interrogazione.

Nel testo si chiede anche se Fugatti: "ritiene vi saranno danni all'immagine turistica del Trentino e come intenda rimediare; di chi sia a suo giudizio la responsabilità della morte dell'orsa; se ritiene di essere o meno 'incapace o incompetente'; se e quando intende dimettersi illustrandone le motivazioni in caso di risposta negativa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte orsa F43, Rossi: "Fugatti si dimetterà come chiese a noi con Daniza?"

TrentoToday è in caricamento