rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Ambiente

Meno neve in montagna, metà rispetto al passato: i dati

Preoccupa l'esito del report sulla campagna glaciologica primaverile di massimo accumulo svolta su alcuni ghiacciai da MeteoTrentino

L'innevamento in montagna è scarso, a comunicarlo è MeteoTrentino a metà giugno del 2022 con la pubblicazione del report sulla campagna glaciologica primaverile di massimo accumulo. Negli anni passati c'erano stati buoni accumuli nevosi. Nel documento sono disponibili le prime stime derivanti dalle misure di accumulo svolte nelle scorse settimane su alcuni ghiacciai della Provincia di Trento.

La causa della scarsità di innevamento, evidenzia il report, è da ricercare in un periodo invernale e primaverile caratterizzati da precipitazioni nevose assenti o molto scarse e in un successivo precoce inizio della fusione, a causa del caldo intenso del mese di maggio. Mediamente sui ghiacciai è stata misurata una quantità di neve compresa tra il 50% e il 60% del valore medio della serie storica e a fine maggio diverse fronti glaciali si presentavano già prive di copertura nevosa, con circa un mese di anticipo rispetto a quanto registrato negli ultimi venti anni.

Le misure sono state eseguite in collaborazione tra l’Ufficio Previsioni e Pianificazione della Provincia autonoma di Trento, la Commissione Glaciologica della Società degli Alpinisti Tridentini, il Muse e l’Università degli Studi di Padova.

Neve, report accumuli 2022-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meno neve in montagna, metà rispetto al passato: i dati

TrentoToday è in caricamento