menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Migranti (repertorio)

Migranti (repertorio)

Dai campi profughi all'Italia, famiglia libanese in arrivo in Trentino

Il nucleo, composto da sei persone, sarà ospitato grazie al progetto di accoglienza 'corridoi umanitari'

È in arrivo dai campi profughi del Libano una famiglia di sei persone, che sarà ospitata in Trentino in base al Progetto di accoglienza 'corridoi umanitari', che a livello nazionale fa capo ai Ministeri degli Interni e degli Esteri, alla Cei-Conferenza episcopale italiana e alla Comunità di Sant'Egidio, e a livello locale è stato approvato all'unanimità dal Consiglio provinciale lo scorso luglio.

In base a quanto approvato l'8 novembre dalla Giunta provinciale su proposta del presidente Maurizio Fugatti, i sei profughi si aggiungeranno agli altri 26 già accolti in Trentino. Il Progetto per l'apertura di corridoi umanitari con il Libano, Paese in cui sono presenti numerosi campi profughi che ospitano  soprattutto rifugiati provenienti della vicina Siria, prevede lo sviluppo di una politica integrata di accoglienza per quelle persone e quelle famiglie che hanno dovuto lasciare le loro case in seguito alla guerra. È quanto si legge in una nota della Pat.

Le  persone coinvolte nel progetto inizieranno un percorso che le porterà ad assumere lo status di rifugiato, equiparato a quello dei cittadini italiani. Il periodo di accoglienza ha una durata di 16-24 mesi (per questo nuovo nucleo familiare, andrà dal novembre 2019 ad aprile 2021). In seguito i rifugiati potranno continuare autonomamente il loro percorso di integrazione nel Paese di accoglienza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento