menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Disposto il dissequestro per i vigneti siciliani del Gruppo Mezzacorona

Il Tribunale del Riesame ha disposto il dissequestro dei beni. I sigilli erano scattati al termine di un'importante indagine dell'Antimafia

Disposto il dissequestro dei terreni e della villa di Feudo Arancio, la tenuta siciliana del Gruppo Mezzocorona. La notizia del sequestro, arrivato al termine delle indagini dell'Antimafia, aveva suscitato particolare scalpore in Trentino: l'ipotesi degli inquirenti è che la tenuta fosse stata venduta al gruppo vitivinicolo trentino da persone fidate della criminalità organizzata siciliana.

Secondo gli avvocati della difesa  il dissequestro dei beni, pari a 70 milioni di euro, conferma l'insussistenza dell'accusa. E' stata ritenuta radicalmente insussistente l'astratta configurabilità dei reati contestati in relazione agli originari acquisti dei suddetti terreni ed edifici, anche a fronte della evidente trasparenza e tracciabilità delle compravendite realizzate", questa la dichiarazione rilasciata ai microfoni di Rai News.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Rifugio sommerso dalla neve, i gestori chiedono aiuto ai trentini

Attualità

Chiusa per pericolo valanghe l'area del Mugon sul Monte Bondone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento