menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sistema in tilt per Manu Chao: venduti 1000 biglietti ma i posti sono 500

Disservizio su Primiallaprima: in centinaia hanno pagato ma i biglietti erano già finiti in pochissimi minuti

Sistema in tilt per Manu Chao a Rovereto: centinaia di fan che credevano di aver comprato il biglietto si sono ritrovati con un pugno di mosche. O meglio, con una mail che annuncia un rimborso. Tutto inizia ai rintocchi di mezzogiorno di martedì 28 luglio quando, come annunciato da giorni dagli organizzatori, è stata aperta la vendita online dei bliglietti. In pochi minuti si sono messe in coda, virtualmente, migliaia di persone a fronte di 505 posti disponibili. Tra chi ora si lamenta dell'accaduto sui social network c'è chi giura di aver avuto davanti a sè 11.000 persone. Insomma: l'attesa era tanta e per tanti motivi. Non ultimo il prezzo molto accessibile del biglietto: 13,5 euro.

Numeri incredibili, a fronte di una capienza ridotta a causa delle misure covid. Un primo problema, però, è che ad ogni persona che si è messa in coda era permesso di comprare fino a 4 biglietti. Significa che 125 persone, ma in realtà anche meno, hanno "polverizzato" in pochi minuti i biglietti disponibili. Il problema, più grave, è che il sistema ha continuato a vendere biglietti. Secondo il Centro Servizi S. Chiara ne sarebbero stati venduti più di mille. Questo finchè qualcuno non se n'è accorto ed ha avvertito la sede del circuito Boxol.it - Primiallaprima, che gestisce la vendita online.

Risultato: tantissime persone, forse qualche centinaio, erano convinte di avere in mano i biglietti. Salvo poi ricevere in serata la mail di Boxol (vedi foto sotto) che comunicava l'errore: il pagamento era andato a buon fine, ma non l'emissione dei biglietti, visto che i posti erano già esauriti. La causa sembra essere una differenza temporale nella trasmissione dei due dati: il pagamento e l'emissione del biglietto. Condizionale d'obbligo perchè sulla questione si attende un comunicato da parte dei gestori della piattaforma. La cosa sicura è che i soldi vanno restituiti. 

manu-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Rifugio sommerso dalla neve, i gestori chiedono aiuto ai trentini

Attualità

Chiusa per pericolo valanghe l'area del Mugon sul Monte Bondone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento