M49 è stato castrato e gli vengono spesso somministrati tranquillanti

A confermarlo la Provincia. L'animale è ancora detenuto al Casteller

M49 o Papillon, come l'aveva ribattezzato chi lo voleva libero e in natura, è stato sottoposto a castrazione chimica e gli vengono spesso somministrati tranquillanti. A confermarlo la Provincia. L'animale si trova imprigionato nel recinto del Casteller dallo scorso aprile, quando era stato catturato per la seconda volta.

Incredibile: M49 fugge ancora

"Siamo l'unico stato al mondo in cui gli orsi nati selvatici vengono messi in cattività e imprigionati in gabbie e recinti - ha detto l'ex veterinario provinciale Alessandro De Guelmi ai microfoni della Rai -. Quello che segue poi è tutta una serie di azioni per consentire a questi orsi di sopravvivere dentro ai recinti che vanno certamente contro le logiche del benessere animale".

Per quanto riguarda l'orsa Jj4, responsabile dell'aggressione sul Monte Peller ai danni di due uomini, padre e figlioDe Guelmi chiede una seconda possibilità: "È un'orsa che ha vissuto 14 anni sulle nostre montagne, è estremamente timida (...). Non sappiamo nemmeno se avesse dei cuccioli. Ritengo che l'ordinanza di abbattimento sia eccessiva. Va controllata, non abbattuta".

"L'orso nella maggior parte dei casi reagisce per paura - sottolinea De Guelmi -. Rispondere con un'arma è la risposta più sbagliata. In generale dobbiamo far sì che diminuisca la sua paura facendoci più piccoli di quelli che siamo".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

  • Individuato il corpo di Etienne Bernard, travolto da una valanga sul Sass Pordoi

Torna su
TrentoToday è in caricamento